sabato 24 agosto 2013

Pianissimo - Libri sulla strada, breve intervista all'ideatore

Lettori, come vi avevamo già detto sulla pagina Facebook, ieri siamo stati ad un evento nella nostra città dov'era presente il furgone - libreria del progetto "Pianissimo - Libri sulla strada", abbiamo scoperto questo progetto in giro per il web e visto che faceva tappa nella nostra città non potevamo perdercelo.
E' un'iniziativa che interessa l'intera Sicilia, che avrà una durata di 23 giorni.
Ma ci tenevamo soprattutto a parlarne con voi cari followers, affinché anche voi sappiate di cosa si tratta.

Vi invitiamo a partecipare a una delle loro tappe, se vi trovate in Sicilia!!



Abbiamo incontrato all'evento l'ideatore di Pianissimo - Libri sulla stradaFilippo Nicosia. Una persona gentilissima, che con il suo amore per i libri è riuscito ad emozionarci. Ci ha raccontato di aver comprato (a sue spese) un furgone del '76, di aver costruito al suo interno una libreria, dove sistemare tutti i volumi e di essere partito per la Sicilia. Tutto questo per dare visibilità esclusivamente ai libri, affinché la gente dia anche un solo sguardo a quei libri che altrimenti non verrebbero neanche degnati di un'occhiata.
Filippo è fiducioso, già è riuscito a vendere più di 500 libri ed è un grande traguardo, considerando che le statistiche vedono la Sicilia tra le regioni con il numero minore di lettori. Ma traguardo più grande è ricevere le telefonate da parte di persone, che vogliono che Pianissimo passino pure per le loro città. Questo significa che ciò che ha fatto arriva alla gente, lascia qualcosa nel loro cuore. Ed è quello che è successo a noi!

Ma cos'è Pianissimo - Libri sulla strada?

Pianissimo è una libreria itinerante e un progetto di promozione della lettura in Sicilia.
È anche un viaggio su un furgone d’epoca, quindi un viaggio senza troppe comodità, in cui si guarda il paesaggio e ci si ferma spesso a parlare di libri e incontrare persone.



Libri sulla strada
Il viaggio dei libri nell’isola è un momento d’incontro e di dialogo, di promozione della lettura e dell’editoria indipendente, nella regione che, dopo la Basilicata, detiene il record negativo di lettori d’Italia e, dato ancora più allarmante, quello di analfabeti.
Paesi e comuni senza librerie, centri senza luoghi di visibilità per i libri rappresentano il fallimento del sistema di diffusione della cultura, già da anni debole, saturo, privo di respiro.
Seguendo il mercato, l’editoria ha trascurato i lettori e i loro bisogni. E, per parte sua, lo Stato sta minando gli spazi e le possibilità di formazione e condivisione come la scuola e l’università, luoghi cruciali per la formazione dei futuri lettori.
Come contribuire a combattere questa emorragia che pare inarrestabile, che vede le librerie chiudere e il libro diventare marginale, o superfluo?
Noi rispondiamo con un atto concreto e primario, mettendoci in strada, coinvolgendo amici e incontrando sconosciuti, creando un ponte fatto di libri tra i lettori, quelli che ancora non lo sono, e gli autori.

Pianissimo è un piccolo gesto concreto, un tratto di strada da percorrere insieme, nella fiducia che ci sia ancora una società e una vita sociale sulla quale fare leva per ripartire, nella convinzione che la cultura sia scambio e condivisione.
La sfida è quella di mettere il libro nelle piazze e sperare che qualcuno lo porti a casa e inizi a leggere. Inventare nuovi modi per parlarne, non cedere alla sua smaterializzazione.



Pianissimo è un’idea che vuole far crescere lettori consapevoli, divertiti, entusiasti e curiosi, in una parola siciliani che possano sentirsi finalmente, e a pieno diritto, cittadini europei.


Filippo, inoltre, è stato così gentile da rilasciarci un'intervista. Per cui lo ringrazio infinitamente, per il tempo concesso al nostro blog.


Innovativa, coinvolgente, entusiasmante: davvero un’idea originale quella che ti ha spinto a intraprendere un viaggio per tutta la Sicilia, con un furgoncino vintage e un grande sogno, nonché un vero e proprio amore per il mondo dei libri che ti fa brillare gli occhi (come abbiamo potuto constatare durante il colloquio). Come è nata l’idea di rimettere in sesto un vecchio furgoncino, riempirlo di libri e partire, avviando “Pianissimo-Libri sulla strada”?
Come potremmo definirla? Un’illuminazione? Un lampo di genio? L’idea è nata ad Aprile con l’intento di creare una vera e propria libreria itinerante nelle piazze delle città, nei luoghi più frequentati, dove fosse stato possibile un maggior contatto con la gente. Tutto nasce dall'idea che vi sia un netto distacco tra chi produce i libri e chi li legge, che la piccola editoria molto spesso è schiacciata dal mercato di coloro che tengono il monopolio, per cui ho sentito il bisogno di darle una piccola chance, di portarla in giro.

Come mai hai scelto di esplorare proprio la Sicilia?
Gli ultimi dati statistici hanno dimostrato come la Sicilia sia agli ultimi posti se presa in considerazione la percentuale di lettori, per cui ho voluto avvicinarmi ad essa (sono di origine siciliana io stesso) per capire se potevo fare qualcosa, se le mie esperienze fuori potessero essere usate qui per creare qualcosa, per migliorare qualcosa. È una gioia immensa, questo viaggio mi sta lasciando tanto: ti senti utile ed è qualcosa che non ha prezzo.

Un viaggio del genere è sicuramente dispendioso. Hai ricevuto qualche aiuto finanziario?
Ho utilizzato tutti i miei risparmi per dare vita a questo progetto nonostante la collaborazione di alcuni editori. Un giorno ho deciso di rimettere in sesto il furgoncino e partire. È una vacanza per me. Anzi, meglio.

Pensi che ci sarà un tour anche il prossimo anno in Sicilia?
Io personalmente, dopo diversi anni di lontananza, ho deciso di ritornare e restare. Sicuramente ci sarà un nuovo tour e speriamo di migliorarlo e di non dover aspettare la prossima estate, magari potrebbe partire un tour anche questo inverno. Mi piace quello che sto facendo, mi piace mettere al centro della piazza una libreria, 300 libri e quindi 300 anime, 300 storie, 300 possibili vite alternative da vivere“Pianissimo” è stata la possibilità di fare qualcosa di buono ma anche di incontrare gente straordinaria. Ed è stato fantastico.



La bancarella di Pianissimo


Anche noi di Un buon libro non finisce mai abbiamo comprato due libri nella bancarella di Pianissimo, eccoli:

    



IL SITO DI PIANISSIMO: QUI


Noi crediamo che l'idea di Filippo, sia stata un qualcosa di innovativo, mai visto. Un'idea "folle" ma fantastica! Complimenti a Filippo e ai suoi collaboratori, gli auguriamo un grande successo e buona fortuna per il vostro futuro!




3 commenti:

  1. Uu plauso a Filippo Nicosia per questa bellissima iniziativa.Trasformare i buoni propositi in fatti concreti è davvero un ottimo esempio per tutti.In bocca al lupo a "Pianissimo-Libri sulla strada".

    RispondiElimina
  2. bellissima iniziativa!!!!!! sarebbe magnifico che si diffondesse ovunque..!!!

    RispondiElimina
  3. Un'idea fantastica! :) Peccato che non viva in Sicilia! Spero che in futuro possa arrivare anche in altre regioni italiane!

    RispondiElimina



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...