giovedì 31 ottobre 2013

Halloween Edition 2013: leggiamo insieme

Per festeggiare insieme, oggi vi proponiamo la lettura di un estratto dal racconto "Il dattiloscritto" di Lovecraft.. Vediamo chi riesce a leggerlo sino alla fine e a dormire stanotte! (e mantenete l'audio acceso muahahah)

"Fumo. Appena una debole traccia, ma inconfondibile alle mie narici ipersensibili, è tanto debole che non riesco a stabilire se proviene da un angolo della casa o filtra dalla finestra della stanza accanto, aperta sulla palude. L'impressione va facendosi rapidamente più netta. Ormai sono sicuro che non viene dall'esterno. Erranti visioni del passato, corrusche scene d'altri giorni lampeggiano nella mia mente con la vividezza di scene tridimensionali. Uno stabilimento in fiamme, urla isteriche di donne terrorizzate imprigionate tra pareti di fuoco, pietose grida di bambini intrappolati da scale che crollano, un incendio in un teatro, una babele frenetica di persone travolte dal panico che lottano per fuggire dai pavimenti infuocati e, sopratutto, nuvole impenetrabili di fuoco nero, tossico, maligno, che insozza il cielo sereno. L'aria della stanza è satura di volute spesse,pesanti, soffocanti. Mi aspetto da un istante all'altro di sentire ardenti lingue di fiamma lambire bramose le mie inutili gambe, mi bruciano gli occhi, mi pulsano gli orecchi, tossico semi-asfissiato, per liberarmi i polmoni dalle esalazioni mefitiche. Un fumo simile è prodotto soltanto da catastrofi spaventose, acre, puzzolente, impossibile fumo permeato del lezzo nauseante di carne umana che brucia. [...]
Qualcosa, qualcuno si trova nella stanza. Sono talmente sicuro di non essere più solo che è come se potessi vedere la presenza che avverto. Un impressione simile a quella che provavo quando mi facevo strada a gomitate in una via affollata, la netta sensazione che degli occhi mi seguissero alla ressa con uno sguardo tanto intenso da attirare la mia attenzione. [..] Lo sento. Non è una sola voce che sussurra, ma molte. Ronzio orrendo di tafani schifosi, svolazzare diabolico di api frenetiche, sibili di rettili osceni, un coro sommesso che nessuna gola umana potrebbe cantare. Il volume sta crescendo, la stanza rimbomba di una cantilena demoniaca, aritmica, atonale, assurdamente beffarda, un coro che recita blasfeme litanie, una pena di sofferenze abissali messe in musica da anime dannate, l'abominevole crescendo di un pandemonio pagano.
Le voci intorno a me si fanno più vicine. Il canto si è interrotto bruscamente e il bisbiglio si è trasformato in suoni intelligibili.[..] Dita invisibili mi stringono in una morsa, dita spettrali che tuttavia non posseggono la forza fisica di strapparmi alla macchina da scrivere, dita di gelo che mi trascinano in un vortice abietto, vizioso, dita demoniache che mi spingono in una fogna d'eterna iniquità, dita di morte che mi tolgono il respiro, facendomi dolere gli occhi al punto che sembra stiano per scoppiare. Punte di ghiaccio premono contro le mie tempie, duri, ossuti apici simili a corna, l'alito frigido di una cosa morta da tempo bacia le mie labbra febbricitanti, devasta la mia gola ardente di gelide fiamme."


Halloween Edition #4 Come l'acqua nel lago di Marco Mancini

Buon halloween a tutti!!! Cosa fareste questa sera? Io ancora non ho deciso xD


Comunque siamo arrivati quasi alla fine dei nostri giochi, anche questa volta ho visto molta partecipazione e ve ne sono grata ^^ mi rende felice, sapere che il nostro lavoro viene apprezzato. 
Per questo 4° giveaway in palio c'è una copia del libro dell'autore italiano Marco Mancini. Un libro che mi ispira tantissimo...

COME L'ACQUA NEL LAGO

AUTORE: Marco Mancini
EDITORE: Vertigo
PAGINE: 276
PREZZO: 15,90




"Come l'acqua del lago" è un racconto nel quale la fiaba e la religione si mescolano tra loro nel concreto del vivere quotidiano. Sette amici, cresciuti e divisi nell'infanzia, torneranno a ritrovarsi. Un ragazzo, venuto a conoscenza di essere stato adottato, dovrà ripercorrere una realtà dimenticata, ricostruendola su sfumati ricordi. La scoperta di essere vissuto per lunghi anni in una comoda bugia, lo porterà ad accettare l'assurdo di un mondo incantato, come una verità nuova, capace di lenire le ferite di un mondo banale. Partirà alla ricerca delle vere origini, del vero paese natio, delle motivazioni riguardo la propria adozione, e in tutto questo, scoprirà la ricerca più importante, quella di se stesso.



Questa volta non ci saranno banners dei giveaway, ma potrete conquistare punti con le condivisioni. Se volete parlarne nei vostri blog, ne saremo molto felici.

REGOLE:
1) Essere follower del blog, basta cliccare su "Unisciti a questo sito" nella barra a sinistra.
2) Commentare il post, spiegando il motivo per cui volete questo libro e lasciando la vostra email.
3) Ogni condivisione varrà un punto, che vi daranno maggiore possibilità di vincere.
4) Ogni partecipante potrà vincere un solo giveaway, quindi chi vince questo non avrà possibilità di vincerne altri, questo per dare la possibilità a più persone di vincere.

Tramite un sorteggio (con il sito random.org) sceglieremo un partecipante, a cui manderemo l'email con la filastrocca. Il fortunato dovrà rispondere all'email entro 4 ore con la parola segreta, che troverete più in basso. Riuscirete a vincere il dolcetto?
Avrete tempo per partecipare e commentare fino al 3 Novembre, Successivamente provvederò a mandare l'email al sorteggiato.


PAROLA SEGRETA: PIPISTRELLINERI
(Riuscite a leggerla? Muahahahaha)


Trick or treat
Smeel my feet
Give me something
Good to eat

Buona fortuna e tenete d'occhio l'email!






Con maghi e mostri a frotte, trascorriamo questa notte!

Carissimi followers, oggi vogliamo pensare anche ai più piccoli. Halloween non è forse alimentato dall'entusiasmo con cui alcuni bambini preparano le zucche, assaggiano i dolcetti dalle forme strane che la madri hanno preparato, si vestono e truccano la faccia, cantano allegramente "dolcetto o scherzetto"?
Ecco perché vi proponiamo una serie di letture adatte alla loro età, magari da accompagnare a una luce soffusa e a qualche divertente spavento..




"Halloween.. che fifa felina!" di Geronimo Stilton

Conoscerete Tenebrosa Tenebrax, un'affascinante topolina che abita in un cimitero e gira su carro funebre e sarete costretti a partecipare a una festa di Halloween con un menù... da brivido! Nel libro troverete anche tutti i segreti per organizzare una festa di Halloween!

"Festa di Halloween al castello fantasma" di Mary Osborne

Al ladro, al ladro! E' la notte di Halloween. A Camelot hanno rubato il Diamante del Destino di Re Artù, e gli abitanti del castello sono prigionieri di un incantesimo. Riusciranno Jack e Annie a recuperare la pietra preziosa e a salvare Camelot?


"Quella casa sulla collina" di Linda Newbery

Tizzie e la sua irascibile mamma, Morag, stanno per iniziare una nuova vita in un nuovo luogo per l’ennesimo nuovo lavoro. Piove a dirotto nel villaggio che le ospiterà e Roven Mere, la gigantesca casa dove Morag lavorerà come cuoca, è molto inquietante. Anche per questo Tizzie non vede l’ora di conoscere la figlia di Lord Rupert, il padrone di casa, nella speranza di trovare finalmente un’amica. Però i giorni passano senza che di Greta, né di Lord Rupert, si veda l’ombra. Ogni giorno viene annunciato il loro arrivo, ma ogni giorno la speranza viene disattesa. Nel frattempo, Tizzie inizia a scoprire il mistero che avvolge Roven Mere e i suoi strani abitanti...

"Il complotto di Frankenstein" di Massimo Polidoro
Quando Omero si trasferisce a Londra con il padre, poliziotto di Scotland Yard, resta impressionato dai suoi immensi viali affollati e dai suoi vicoli intricati. Ma non immagina quanti misteri e fatti inspiegabili nasconda la città... Ben presto infatti al padre di Omero viene affidato un caso davvero strano: sulla collina di Primrose Hill e ai docks lungo il Tamigi alcune persone hanno avvistato una strana creatura, e la stampa è sicura che si tratti del mostro di Frankenstein. Incuriosito dalle indagini, Omero si mette sulle tracce del mostro insieme ad Amelia, figlia di una famosa medium, e a Rusty e Blacky, due ragazzini che conoscono i bassifondi della città come le loro tasche...

"La statua dagli occhi di smeraldo" di Max Keller

Misteriosi rapimenti si susseguono da giorni nella città di Londra e i pochi indizi sembrano portare tutti alla stessa, sconcertante conclusione: che ci sia del vero nelle vecchie leggende sussurrate davanti al camino? Che il demone dagli occhi di smeraldo sia realmente tornato dal mondo dell’incubo per tormentare la città? Mentre Scotland Yard brancola nel buio, Omero, Amelia e gli altri membri della Squadra dell’Impossibile decidono di intervenire. Non passerà molto prima che i ragazzi si trovino a passeggiare con il cuore in gola nelle tetre stanze del museo delle cere, ignari dello sguardo maligno che osserva dall’alto ogni loro mossa...

Vi ricordiamo inoltre che potreste vedere con i più piccoli tutti i cartoni halloweeniani della disney o i capolavori di Tim Burton ("La sposa cadavere" e "Nightmare before Christmas") magari vestendovi a tema o preparando qualche "terrificante" dolcetto!










mercoledì 30 ottobre 2013

Halloween Edition #3 Game master di Mauro Saracino

Ciao a tutti ^^
rieccomi con il secondo giveaway della giornata, come promesso.


Questa volta potete vincere una copia del libro dell'autore italiano Mauro Saracino. Considerato "Uno dei più interessanti thriller italiani che lo scorso anno ha visto la luce..."

GAME MASTER

A me fa un po' paura questa cover o_o

AUTORE: Mauro Saracino
EDITORE: Lettere Animate
PAGINE: 251
PREZZO: 13,00



Il Game master non ha un'identità. Persino il suo attuale ruolo alla New Wedding Corporation è stato rubato a un altro uomo, ormai deceduto, così come il suo nome. Eppure vive in una società dove l'io è al centro del mondo e dove l'altro esiste solo in relazione alle proprie pulsioni. Estraniato da un sé che afferra appena, ciò che lo spinge è la necessità di comprendere se c'è un modo per aprire gli occhi dei tanti piccoli io che lo circondano o se sono disposti a morire pur di non abbandonare il proprio guscio. Francesco Marziali è la vittima designata per uno dei suoi esperimenti. Per salvare la propria fidanzata - apparentemente rapita da uno squilibrato - e il suo migliore amico - scomparso dopo aver cercato di aiutarlo -, si vedrà calato in una trappola perversa destinata a privarlo del suo io più profondo... o della sua vita.



Nato a Roma nel gennaio del '79, ha esordito nel 2007 con il romanzo horror La Casa Del Demone, con Asengard Edizioni. Nel 2011 ha partecipato all'antologia "365 storie cattive", curata da Paolo Franchini, con il racconto L'ultima verità. Il racconto Ratti in Piscina è stato scelto per il progetto La Corte Shorts, per La Corte Editore. Esce nel 2011 Il Gioco Della Mantide per Nulla Die, primo esperimento nell'ambito del thriller e primo romanzo ambientato a Roma. A Febbraio 2012 esce Ali Di Tenebra per la Plesio Editore, in cui riprende alcuni personaggi de La Casa Del Demone. Il romanzo arriva secondo al premio nazionale Magia Urban Pret-A-Porter come miglior urban fantasy italiano per adulti. Ha partecipato all'iniziativa Tremare Senza Paura, organizzata da Nero Cafè con il racconto Corsa Di Mezzanotte. Nel 2012 esce Game Master per Lettere Animate, altro thriller ambientato a Roma. Dallo stesso anno collabora con l'associazione culturale Nero Cafè, con la rubrica The Interpreter, dove si occupa di romanzi di genere mai tradotti in italiano. Esce nel 2012 per Watson Edizioni l'horror Il Richiamo Del Sangue. Dal romanzo è stata tratta una sceneggiatura, scritta insieme al regista Luca Alessandro. Nel 2013 il racconto Ak-666 viene inserito nell’antologia Realtà in Gioco, edito dalla casa editrice Multiplayer.it. È prevista per la fine del 2013 l’uscita del romanzo Ombre di Ghiaccio.



Questa volta non ci saranno banners dei giveaway, ma potrete conquistare punti con le condivisioni. Se volete parlarne nei vostri blog, ne saremo molto felici.

REGOLE:
1) Essere follower del blog, basta cliccare su "Unisciti a questo sito" nella barra a sinistra.
2) Commentare il post, spiegando il motivo per cui volete questo libro e lasciando la vostra email.
3) Ogni condivisione varrà un punto, che vi daranno maggiore possibilità di vincere.
4) Ogni partecipante potrà vincere un solo giveaway, quindi chi vince questo non avrà possibilità di vincerne altri, questo per dare la possibilità a più persone di vincere.

Tramite un sorteggio (con il sito random.org) sceglieremo un partecipante, a cui manderemo l'email con la filastrocca. Il fortunato dovrà rispondere all'email entro 4 ore con la parola segreta, che troverete più in basso. Riuscirete a vincere il dolcetto?
Avrete tempo per partecipare e commentare fino a domani pomeriggio, Domani sera provvederò a mandare l'email al sorteggiato.


PAROLA SEGRETA: PIPISTRELLINERI
(Riuscite a leggerla? Muahahahaha)


Trick or treat
Smeel my feet
Give me something
Good to eat

Buona fortuna e domani tenete d'occhio l'email!



Halloween Edition 2013 #2 Onislayer di Barbara Schaer

Rieccomi qui carissimi lettori, con il nuovo giveaway.
Tra poco farò il sorteggio del giveaway precedente, ma per ora vi presento questo libro...


Si tratta di un ebook, dell'autrice italiana Barbara Schaer, magari la conoscete per la sua prima opera Alis Grave Nil.

ONISLAYER

Amo questa copertina *___*

AUTORE: Barbara Shaer
PAGINE: 427
PREZZO: 0,99



Per difendersi dalla maledizione che li perseguita da centinaia di anni gli Eredi degli antichi clan giapponesi vivono segretamente a Fairport, stato di Washington, combattendo una guerra silenziosa contro i demoni Oni, e proteggendo il vincolo della Coppia Eletta che tiene il feroce Oda Nobunaga prigioniero negli Inferi. Jin McDowell è il Nobunaga scelto per suggellare il nuovo vincolo e per farlo deve sposare Asami Williams, la Mitsuhide che gli è stata destinata, l'unica donna che abbia mai amato. Ma Asami è fuggita mettendo in pericolo gli Eredi e spezzandogli il cuore. Sullo sfondo di una guerra senza fine, Jin e Asami si ritroveranno di nuovo insieme, ma nulla sarà più uguale a prima. Animata da una fredda e letale sete di vendetta Asami coinvolgerà Jin nella sua battaglia personale, e in un mondo dove nulla è ciò che sembra, fra travolgenti passioni, tradimenti, e oscure profezie, scopriranno che nonostante tutto il dolore che li ha divisi, l'amore che un tempo li legava non è andato completamente perduto.



Questa volta non ci saranno banners dei giveaway, ma potrete conquistare punti con le condivisioni. Se volete parlarne nei vostri blog, ne saremo molto felici.

REGOLE:

1) Essere follower del blog, basta cliccare su "Unisciti a questo sito" nella barra a sinistra.
2) Commentare il post, spiegando il motivo per cui volete questo libro e lasciando la vostra email.
3) Ogni condivisione varrà un punto, che vi daranno maggiore possibilità di vincere.
4) Ogni partecipante potrà vincere un solo giveaway, quindi chi vince questo non avrà possibilità di vincerne altri, questo per dare la possibilità a più persone di vincere.

Tramite un sorteggio (con il sito random.org) sceglieremo un partecipante, a cui manderemo l'email con la filastrocca. Il fortunato dovrà rispondere all'email entro 4 ore con la parola segreta, che troverete più in basso. Riuscirete a vincere il dolcetto?
Avrete tempo per partecipare e commentare fino a domani mattina. Domani pomeriggio, provvederò a mandare l'email al sorteggiato.

PAROLA SEGRETA :
GOLASQUARCIATA
(Riuscite a leggerla? Muahahahaha)


Trick or treat
Smeel my feet
Give me something
Good to eat

Buona fortuna e domani tenete d'occhio l'email!

Non aprite quel libro


The night is dark, the wind is high,

Now the Black Shadows come creeping by!

Making a strange, dreadful moaning cry!



Eccoci nuovamente ad Halloween carissimi lettori. 

Oggi vogliamo presentarvi quelli che, secondo l'opinione comune, sono considerati i libri più opportuni da leggere in questo periodo dell'anno ( o perchè inerenti alla festa, o per la paura e la suspence che trasmettono). E voi, quali e quanti libri terrificanti conoscete? Quale consigliate? E quali invece dovremmo rifuggire? 



1-"Poirot e la strage degli innocenti" di Agatha Christie:


Durante i preparativi per allestire un party di Halloween, una giovane ragazza di tredici anni, Joyce Reynolds, afferma di essere stata testimone di un omicidio (avvenuto anni prima e di cui aveva compreso la reale natura solo di recente). Alla fine del party viene ritrovata morta affogata in un secchio d'acqua usato per il gioco delle mele. Con l'aiuto della signora Oliver, presente al party, Hercule Poirot inizia quindi a indagare sul misterioso omicidio.

2-"L'albero di Halloween" di Ray Bradbury

La notte di Halloween accade un fatto molto strano: è apparso un grande albero con centinaia di zucche intagliate appese ai suoi rami. Gli otto ragazzini mascherati che stanno girando per le case ripetendo la consueta filastrocca Trick or Treat si accorgono del prodigio ed allo stesso tempo notano che il nono componente del loro gruppo, Pipkin, è sparito. Con l’aiuto di una guida a dir poco particolare, chiamata Sudario, inseguono l’amico in un viaggio tra spazio e tempo, attraverso antico EgittoGrecia e Roma, approdando a Notre Dame in una Parigi medievale ed ancora con i druidi Celti. Lungo il loro percorso, imparano le origini della festa che stavano celebrando e il ruolo che ha sempre giocato la paura della morte. Lo strano albero di Halloween apparso ai ragazzini serve infatti da metafora per indicare la confluenza storica delle diverse tradizioni.

3-"It" di Stephen King

In una tranquilla cittadina, sette giovani amici si imbattono in una informe e brutale creatura. Dopo essere scampato alla morte, il mostro tornerà molti anni dopo a spargere nuovamente sangue. Toccherà agli stessi ragazzi, divenuti ormai adulti, provare a sconfiggerlo, facendo così anche i conti con il proprio passato.

4-"Cabal" di Clive Barker

Aaron Boone è un ragazzo che soffre di disturbi mentali, presunto colpevole di alcuni efferati omicidi. Dopo la reclusione in un ospedale psichiatrico il giovane tenta la fuga nella misteriosa città di Midian, una necropoli dove vivono delle creature da incubo. Catturato dalla polizia, il giovane rimane ucciso ma, passato poco tempo, il suo cadavere sparisce dall’obitorio...

5-"La cosa oscura" di Peter Straub

Nel 1966 quattro compagni di scuola, Eel, Hootie, Dilly e Jason, vengono irretiti dal fascino ambiguo di Spencer Mallon, presunto stregone di passaggio in città. Per divertirsi, gli amici partecipano a un misterioso rito notturno, il cui scopo è quello di invocare il Male. In modo inspiegabile, però, uno di loro muore. Che cosa è accaduto realmente quella notte?

6-"L'incubo di Hill House" di Jackson Shirley

Chiunque abbia visto qualche film del terrore con al centro una costruzione abitata da sinistre presenze si sarà trovato a chiedersi almeno una volta perché le vittime di turno non optino, prima che sia troppo tardi, per la soluzione più semplice - e cioè non escano dalla stessa porta dalla quale sono entrati, allontanandosi senza voltarsi indietro. A tale domanda, meno oziosa di quanto potrebbe parere, questo romanzo fornisce una risposta. Non è infatti la fragile e indifesa Eleanor Vance a scegliere la Casa, prolungando l'esperimento paranormale in cui l'ha coinvolta l'inquietante professor Montague. È la Casa - con le sue torrette buie, le sue porte che sembrano aprirsi da sole - a scegliere, per sempre, Eleanor Vance.

7-"Il collezionista" di John Fowles

Freddie, un rapitore inibito che colleziona farfalle e che è, al tempo stesso, adorante e violento, e Miranda, la ragazza rapita, piena di vita, intelligente, decisa a sopravvivere, raccontano in prima persona, parlando a capitoli alternati, questa esperienza estrema: agghiacciante nelle parole di lei, normale, quasi banale in quelle di lui. Uno straordinario "tour de force" nelle pieghe profonde della psiche umana.


Ci sono tantissimi altri libri, la lista è infinita ( ad esempio come non citare Lovecraft o E.A.Poe!) quindi aspettiamo i vostri consigli! 
Che gli spiriti della notte siano con voi!









martedì 29 ottobre 2013

Halloween Edition 2013: Non il solito Halloween

Aspettando la notte più macabra dell'anno, scopriamo insieme le sue origini e le differenze che intercorrono tra i vari paesi..



Se esiste Halloween, dobbiamo ringraziare, nonostante le differenze sostanziali, gli antichi Celti. Proprio loro credevano che, alla vigilia di ogni nuovo anno (31 Ottobre), Samhain, Signore della Morte, Principe delle Tenebre, chiamasse a sè tutti gli spiriti dei morti, e temevano che in tale giorno tutte le leggi dello spazio e del tempo fossero interrotte, permettendo al mondo degli spiriti di unirsi al mondo dei viventi, spiriti alla ricerca di nuovi corpi da possedere per l'anno successivo. Il  rito principale consisteva nello spegnere il Fuoco Sacro sull'altare e riaccendere il Nuovo Fuoco offrendo sacrifici di sementi e animali per ossequiare la divinità (in caso contrario avrebbe potuto uccidere il sole senza il quale la vita sarebbe terminata), danzando e cantando intorno al focolare fino al mattino per sancire il passaggio tra la stagione solare e la stagione delle tenebre. Quando il mattino giungeva, i Celti portavano le ceneri ardenti del fuoco presso ogni famiglia che provvedeva a riaccendere il focolare domestico: spegnere il fuoco simboleggiava che la metà oscura dell'anno (quindi la morte) stava sopraggiungendo mentre l'atto di riaccenderlo era simbolo di speranza e di ritorno alla vita, dando così a questo rito la rappresentazione ciclica del tempo. Alcune leggende narrano inoltre di come i Celti bruciassero coloro che ritenessero "posseduti" come avvertimento per gli Spiriti che  potevano infatti prendere forme differenti, anche di animali (la più malvagia era quella del gatto). I Celti avevano, dopo il rito dei sacrifici nella notte del 31 Ottobre, l'usanza di festeggiare per 3 giorni mascherandosi con le pelli degli animali uccisi per esorcizzare e spaventare gli spiriti. Vestiti con queste maschere grottesche ritornavano al villaggio illuminando il loro cammino con lanterne costituite da cipolle intagliate in cui erano poste le braci del Fuoco Sacro. (da qui probabilmente giunge l'usanza dei costumi e delle lanterne).

Ai giorni nostri,crediamo che Halloween sia una festa celebrata dappertutto nella stessa maniera, tra zucche e lanterne, vestiti in maschera e trucchi terrificanti, film pieni di suspence e paura, storie raccontate con luci soffuse o totalmente al buio. Eppure in diverse parti del mondo, Halloween ha un altro nome, un'altra valenza. Basti pensare all'Italia che difende le sue tradizioni dall'avanzata delle idee americane, continuando a dare poco peso e spazio al loro "culto pagano" e privilegiando l'esistenza di una festa che sia in particolar modo incentrata sul ricordo e sulla memoria dei defunti. E questo succede anche in tante altre parti del mondo..
In Austria si lascia pane, acqua e una lampada accesa sul tavolo perchè si crede che questi elementi siano di benvenuto x le anime dei morti; in Slovacchia vengono posizionate le sedie davanti al caminetto (una x ogni membro della famiglia in vita e una per ogni defunto); in Germania si ripongono i coltelli per evitare che gli spiriti si feriscano durante la visita notturna; in Inghilterra  i bambini confezionavano dei pupazzetti chiamati punkies intagliando le barbabietole, le lanterne, per scacciare spiriti maligni, si ottenevano intagliando rape e si gettavano pietre,verdura, noci e altri oggetti in un falò (ogni oggetto aveva un particolare significato: per esempio se  un sasso gettato la sera precedente,  non si ritrovava la mattina,  si credeva che chi l' avesse gettato sarebbe morto dopo un anno); in Cina la festa si chiama Teng Chieh e cibo e acqua sono posti davanti le foto dei famigliari, nei tempi buddisti si creano barche di carta  che vengono poi bruciate sia x  ricordare i morti sia x liberarli dai Preta, spiriti inquieti; inoltre la celebrazione a Hong Kong  si dice Yue Lan e si crede che gli spiriti viaggino  per il mondo per 24 ore e  in questo periodo alcuni bruciano immagini di frutta o di denaro credendo che possano raggiungere i morti e dare conforto.


E voi invece, cosa farete per Halloween?

Halloween Edition 2013 #1 La belva di Francesca Bertuzzi

Salve a tutti lettori. So che aspettate con ansia l'inizio dei giochi, quindi tornata ora da scuola mi metto subito a lavoro.

Apriamo i giochi di Halloween con un libro tutto italiano edito Newton Compton, un libro di Francesca Bertuzzi. Un libro adatto all'occasione, dovete avere paura anche mentre leggete...

Un libro adatto a tutti gli amanti dei thriller, non potete perdervelo!

LA BELVA

AUTORE: Francesca Bertuzzi
EDITORE: Newton Compton
PAGINE: 384
PREZZO: 7,90

Domegge di Cadore, luglio 2012. Rebecca, Stella, Livia e Valentina stanno giocando sulle rive di un ruscello. La loro adolescenza è limpida e spensierata, la vacanza che le aspetta è luminosa e piena di attese. Fino a quel pomeriggio, quando all'improvviso ritrovano un corpo immerso nell'acqua: un ragazzo con il volto sfigurato. La direzione della loro estate cambia, e con essa quella delle loro vite. Cosa sta accadendo nei boschi delle Dolomiti? L'ipotesi più attendibile è che un animale pericoloso e affamato attacchi gli uomini. Eppure c'è qualcosa di poco chiaro in una vicenda apparentemente semplice. E mentre la polizia dispone il coprifuoco e il divieto per tutti di recarsi nei boschi, un innaturale silenzio cala sulla macabra scoperta. Ma le quattro ragazze, risucchiate e quasi affascinate da un pericolo ignoto, non riusciranno a sottrarsi all'effetto domino scatenato dalla loro curiosità e dal desiderio di sapere. Il prezzo che pagheranno sarà altissimo: i luoghi della loro infanzia si deformeranno, tanto da far paura, e la loro gioiosa esistenza lascerà il posto a una realtà violenta e inquietante. 


Francesca Bertuzzi è nata a Roma nel 1981. Ha ventidue anni ha conseguito il master biennale in "Teoria e Tecnica della Narrazione" alla scuola Holden di Torino. Ha seguito un laboratorio di regia diretto da Marco Bellocchio e Marco Muller. Negli ultimi anni si è dedicata alla scrittura cinematografica, vincendo premi e riconoscimenti internazionali con diversi cortometraggi. Ha diretto e montato il backstage del film Vallanzasca - Gli angeli del male di Michele Placido e attualmente sta lavorando a due sceneggiature cinematografiche con produzioni internazionali. Con la Newton Compton ha pubblicato Il Carnefice, che ha riscosso un grande successo vincendo anche il premio letteratura e cinema Roberto Rossellini 2011, Il sacrilegio La belva.



Questa volta non ci saranno banners dei giveaway, ma potrete conquistare punti con le condivisioni. Se volete parlarne nei vostri blog, ne saremo molto felici.

REGOLE:

1) Essere follower del blog, basta cliccare su "Unisciti a questo sito" nella barra a sinistra.
2) Commentare il post, spiegando il motivo per cui volete questo libro e lasciando la vostra email.
3) Ogni condivisione varrà un punto, che vi daranno maggiore possibilità di vincere.
4) Ogni partecipante potrà vincere un solo giveaway, quindi chi vince questo non avrà possibilità di vincerne altri, questo per dare la possibilità a più persone di vincere.

Tramite un sorteggio (con il sito random.org) sceglieremo un partecipante, a cui manderemo l'email con la filastrocca. Il fortunato dovrà rispondere all'email entro 4 ore con la parola segreta, che troverete più in basso. Riuscirete a vincere il dolcetto?
Avrete tempo per partecipare e commentare fino a domani mattina. Domani pomeriggio, provvederò a mandare l'email al sorteggiato.  

PAROLA SEGRETA : SANGUECHESCOLA
(Riuscite a leggerla? Muahahahaha)


Trick or treat
Smeel my feet
Give me something
Good to eat

Buona fortuna e domani tenete d'occhio l'email!








lunedì 28 ottobre 2013

Halloween Edition 2013

Buonasera followers!! Quanto tempo!
E' vero sono stata molto assente in questo periodo, ma tra poco mi strappo i capelli per lo studio, quindi perdonatemi. >_<

Sapete che si sta avvicinando Halloween e quindi abbiamo deciso di farvi divertire!!! Del compliblog avete apprezzato molto l'originalità dei giochi, bene... non possiamo deludervi e abbiamo pensato ad un gioco, che a noi sembra molto divertente! Però dovrete essere molto attenti.
Oltre al gioco, pubblicheremo vari post riguardanti Halloween, tenete d'occhio il blog!!

Intanto vi presento la locandina di quest'anno:

Abbiamo deciso di "intitolare" l'evento come l'anno scorso, cambiando solo l'anno (ovviamente xD). Questo perché vogliamo proseguire con tante edizioni, ogni anno. 
Come avrete notato è cambiata un po' anche la grafica del blog. Non l'abbiamo cambiata totalmente, per lasciare il solito aspetto, ma abbiamo aggiunto solo degli elementi per entrare ancora di più nello spirito di Halloween. E abbiamo aggiunto una musichetta adatta all'occasione. Spero che apprezziate questi piccoli gesti. ^^

Comunque arriviamo al dunque...

HALLOWEEN EDITION 2013

Trick or treat
Smeel my feet
Give me something
Good to eat

Sapete tutti che per Halloween, in Inghilterra vi è l'usanza di bussare alle porte e recitare la filastrocca sopra citata. Questa filastrocca quest'anno sarà il "motto" dei nostri giochi! 
Infatti, sceglieremo (tramite sorteggio) alcuni partecipanti dei giveaway a cui manderemo un'email con la filastrocca, i fortunati dovranno rispondere entro 4 ore (tranquilli vi contatteremo in orari normali xD), ma soprattutto rispondere con la parola segreta, che verrà svelata nel post del giveaway. Chi risponderà correttamente riceverà il "dolcetto", nel nostro caso il libro in palio. In caso di risposta errata o in ritardo riceverà lo "scherzetto".
Quindi le nostre email saranno il TOC TOC alle vostre porte. Vedremo chi riuscirà a non farci arrabbiare e a ricevere i dolci!

Ovviamente vi spiegheremo meglio durante i vari giveaway. Voi tenetevi pronti! I giochi inizieranno il 29 e finiranno il 31, proprio per il giorno di Halloween. 


DOLCETTO O SCHERZETTO?



sabato 26 ottobre 2013

Voglio leggere #19

Buon fine settimana a tutti carissimi lettori. Scusate l'assenza degli ultimi giorni ma siamo stati un po' impegnati... stiamo preparando tante sorprese per la prossima settimana, in una sola parola: Halloween!
Nonostante io non possa leggere fino a marzo (ho già una pila di libri universitari), la mia lista-lettura aumenta.



Voglio leggere... è molto simile ad una wish list, però i libri di cui vi parlerò li voglio ancora più ardentemente. Spero ogni volta di potermi accontentare. Pubblicherò la rubrica ogni due settimane, e parlerò di uno o più libri che vorrei leggere subito!

Voglio leggere...


SESSANTA RACCONTI 

Riuniti in raccolta dallo stesso Buzzati nel 1958, i "Sessanta racconti" vengono a ragione considerati una vera "summa" del mondo poetico dello scrittore. In essa si trova rappresentata l'intera gamma dei suoi motivi ispiratori, dalla visione surreale della vita all'orrore per la città, dagli automatismi esistenziali introdotti dall'uomo tecnologico alla suggestione metafisica, in una girandola di narrazioni che riescono sempre a sorprendere le aspettative del lettore. Il taglio strutturale del racconto ben si presta all'abilità narrativa di Buzzati che, vero mago della composizione breve, spaziando tra meraviglioso, favoloso e immaginario traduce in gioco, tragedia o mistero le situazioni che potevano apparire più banali o scontate.




E inoltre, un libro fortemente consigliato dal libraio del mio paese. Voglio leggere...

VUOI STAR ZITTA PER FAVORE?

Dopo anni di duro apprendistato, nel 1976 Carver arriva alla pubblicazione, e viene subito riconosciuto come un grande maestro della forma breve. Drammi quotidiani, inferni domestici, angoli dimenticati di un'America alla deriva: le storie di Carver sprigionano un senso di tensione e di minaccia e raccontano la precarietà economica e degli affetti con una forza lacerante. "Un senso pesante di spavento aleggia in queste storie: gente che se la sta passando male; uomini che bevono troppo; mariti che fanno a botte con le mogli e mogli che lasciano i mariti. C'è morte, rovina, abbandono, gente sgradevole che si presenta alla porta di casa con ogni sorta di notizie sgradevoli. La vita è una cosa seria, in questi racconti. E qui non c'è altro che vita" (R. Ford). La raccolta comprende storie come "Grasso, Vicini, Creditori" e "Nessuno diceva niente", oltre al racconto che da il titolo al libro e che fu messo in scena da Altman in "Short Cuts".





Li avete letti? Che ne pensate?
Voi cosa volete leggere?

sabato 19 ottobre 2013

Quando l'amore per i libri..



Una nottata fantastica. Un'arena virtuale dove poter condividere il proprio amore per la lettura, le proprie esperienze, i propri aneddoti; un luogo di incontro per tutti i personaggi delle nostre vite, le frasi dei nostri autori, le immagini delle nostre storie; una passeggiata tra i romanzi che hanno colpito ognuno di noi, destandoci, facendoci piangere o sorridere, regalando un ricordo ben definito a un momento della nostra vita; una community dove ricevere e scambiare informazioni, dove apprendere notizie traumatiche (sono ancora terrorizzato per la scoperta di alcune cover e "libri") e allungare la propria lista di lettura. Tra una tazza di caffè e tisane accompagnate da biscotti, noi lettori abbiamo avuto la possibilità di respirare amore puro e incondizionato per la lettura, amore che ci ha uniti e reso più completi. Sono queste le sensazioni che mi ha trasmesso la "BookNight Moon, Notte bianca dei lettori" organizzata da "Diario di pensieri persi" e svoltasi tra le 21.00 e le 3.00 di stanotte, quando lettori di ogni dove si sono uniti in un piccolo spazio virtuale per dare voce alle proprie emozioni, per scambiarsi consigli o informazioni utili, per divertirsi e sentirsi a casa. Perché è proprio questa la sensazione che senti nel momento in cui ti ritrovi a parlare con persone sconosciute ma che condividono la tua stessa passione, a volte, ammettiamolo, sfociante in una pazzia incontrollabile.. Complimenti davvero per l'idea originale e grandiosa.
Questa mattina alzarsi non è stato facilissimo ( non vi dico le mie occhiaie e il mio mal di testa martellante che diceva "Dormi, dormi, dormi") ma ripeterei volentieri le ore trascorse in compagnia di altri lettori compulsivi, tra una domanda letteraria e l'altra, una gara di velocità per vincere il cuscino fantasmagorico messo in palio, la scoperta esilarante che al mondo esistono libri erotici che fanno un baffo a Cinquanta Sfumature di Grigio ( nonostante le citazioni postate mi abbiano bloccato la crescita), la condivisione di titoli ( andrò in bancarotta dopo questa notte) e di varie opinioni liberamente espresse, la conoscenza di nuove persone amiche(volevo aggiungere tutti ma il pc sarebbe esploso). Una bella esperienza da ripetere sicuramente in futuro.
Buone letture a tutti, non smettete mai.





martedì 15 ottobre 2013

Narrami, O Musa: fine prima sessione!

Salve a tutti carissimi lettori e followers del nostro spazio virtuale. Oggi è una giornata speciale per me poichè si conclude la prima sessione del nostro contest di scrittura Narrami, O Musa che vi abbiamo presentato due mesi fa ( il tempo passa davvero in fretta!) e a cui alcuni di voi hanno partecipato.



Inizialmente credevo che questo progetto non avrebbe mai visto la luce, o per mancanza di partecipanti o perché magari l'interesse non era poi così ampio, e invece la vita ci sorprende sempre, le nostre aspettative non rispecchiano mai gli avvenimenti futuri, abbandoniamo perciò il mestiere di cartomanti e affidiamoci alla buona sorte.
Personalmente ho già letto (e votato) tutti gli elaborati che ci avete inviato con amore e fiducia e.... WOW! Sono rimasto abbastanza colpito dalle varie idee che sono state sviluppate, i significati profondi che le storie contenevano, qualche colpo di scena inaspettato e una particolare propensione poetica nella architettura del testo. Quindi COMPLIMENTI, gioite per aver creato nuove "vite" e per aver partecipato perché so bene che molti di voi magari volevano partecipare ma hanno deciso di lasciare le loro idee segregate in mente o i loro manoscritti chiusi in un cassetto. Ma voi, siete stati coraggiosi e decisi a farci leggere qualcosa di vostro! Nei prossimi giorni la giuria  leggerà i vari elaborati dando un giudizio (con un punteggio oscillante da 1 a 10) sulle seguenti categorie: creatività, contenuto, lessico e sintassi, stile, pathos. Colui che otterrà il massimo punteggio (ottenuto dalla somma dei punteggi di tutti i giurati) verrà eletto "Vincitore" del nostro contest ma... per me ha vinto questa sfida ognuno di voi! (se vi state chiedendo come mai il termine vincitore è posto tra "" è semplice: in fondo non si vince nulla di materiale, questo è un laboratorio di scrittura atto a sviluppare creatività e stile, a farvi mettere in gioco, a darvi la possibilità di un confronto e di far girare il vostro elaborato nei vari blog-giurati). Presentiamo dunque adesso la giuria che avrà il compito arduo di dare un giudizio:





Nei prossimi giorni declameremo il vincitore con tanto di tappeto rosso, banda musicale, spara-coriandoli, champagne e fuochi pirotecnici. Spero che questo nostro viaggio ( giusto per restare in tema) possa continuare ancora: la prossima sessione del contest è già in corso di preparazione!
Stay tuned and don't stop reading and writing!


lunedì 14 ottobre 2013

Sotto mentite spoglie

Il mistero è affascinante, siamo attratti dall'invalicabile, da tutto ciò che si cela al di là del muro, la nostra brama di conoscenza, nonché la nostra curiosità, ci alimenta, ci spinge a oltrepassare i limiti che sono stati imposti: non abbiamo paura, ci sentiamo audaci e pronti a tutto pur di scoprire la verità, il volto dietro la maschera, la realtà dietro la finzione. Questo non è forse estendibile anche al mondo della letteratura? Quanti sarebbero tentati nel comprare il libro di un autore di cui non si sa praticamente nulla? E quanti autori si divertirebbero nell'inventare un alter ego, quanti riuscirebbero a respirare e a dar libero sfogo a nuove idee e nuove direzioni dopo essere diventati famosi? Nel corso della storia, dai secoli precedenti sino ai giorni nostri, diversi sono stati gli autori che hanno deciso di utilizzare uno pseudonimo per la pubblicazione di un nuovo romanzo..Spostiamo le lancette dell'orologio indietro, ripercorriamo i vari secoli e andiamo alla scoperta degli pseudonimi di alcuni dei più importanti scrittori. Tuffandoci all’interno dell’epoca vittoriana, dobbiamo citare il grande Charles Dickens, autore di celebri romanzi quali “Oliver Twist” e “David Copperfield”, che iniziò la carriera di scrittore come cronista poiché proprio sui giornali cominciò a scrivere i suoi primi racconti di vita urbana sotto lo pseudonimo di Boz, e le sorelle Charlotte Bronte ed Emily Bronte che assunsero il nome di Currer Bell e Ellis Bell per iniziare la loro carriera in quel periodo poco facile per lo sviluppo della creatività femminile, ricco di pregiudizi nei confronti delle donne e del loro inserimento anche in ambito culturale. Altro personaggio  di spicco della letteratura britannica è Eric Blair, autore di “1984”, noto a tutti come George Orwell. Come dimenticare poi quel grande inventore di un mondo tutto da scoprire tra animali parlanti, carte animate, brucaliffi e conigli con un orologio da taschino sempre di corsa, Lewis Carroll il cui vero nome era Charles Dogson. Ma anche Agatha Christie ha utilizzato lo pseudonimo di  Mary Westmacott per scrivere romanzi d’amore e quindi non confondere il lettore (abituato ai romanzi gialli), e  Fernando Pessoa che assunse gli pseudonimi di Álvaro de Campos, Riccardo Reis, Alberto Caeiro e Bernardo Soares spiegando così la sua scelta: “L'origine dei miei eteronimi è il tratto profondo di isteria che esiste in me. L'origine mentale dei miei eteronimi sta nella mia tendenza organica e costante alla spersonalizzazione e alla simulazione”.

Anche autori contemporanei hanno deciso di pubblicare attraverso uno pseudonimo, per cercare di nascondere il proprio nome, ormai rinomato e acclamato, e provare a vedere quanto il libro avesse avuto comunque successo. Un buon modo per mettersi alla prova no? Ricordiamo per esempio Stephen King che nel 1977 si nascose dietro la falsa identità di Richard Bachman con la quale pubblicò “L’uomo in fuga”( particolare l’episodio di King che addirittura inventò una biografia per il suo alter ego nonché una foto), e infine J.K.Rowling che, dopo aver concluso la saga del famoso maghetto e pubblicato “Il seggio vacante”, attende l’uscita de “Il richiamo del cuculo” firmato sotto lo pseudonimo di Robert Galbraith. Quali altri pseudonimi conoscete? Necessità sociali, culturali, sessuali e discriminatorie hanno in passato portato diverse menti a celare il proprio volto dietro una maschera che avrebbe permesso loro di uscire allo scoperto sotto mentite spoglie. Una necessità meno incidente invece è quella che spinge oggi gli autori a pubblicare senza essere riconosciuti: c’è chi, essendo magari alla prima pubblicazione e temendo di essere completamente stroncato dalla critica, decide di affidare tutti i fallimenti all’alter ego, riservandosi altre possibilità; chi decide di mantenere l’anonimato per non scoprirsi troppo avendo riversato molto di se stesso all’interno del romanzo e chi decide di divertirsi nell’ambito della invenzione-finzione, e chi vuole rimanere all’oscuro, celato dietro quella porta socchiusa da cui si scorge tutto e nulla. E poi ci sono gli autori famosi che vogliono sentirsi liberi, vedere quanto valga il loro nome o il loro talento. Significativo è per l’appunto il caso della Rowling che, non soltanto è stata inizialmente rifiutata, ma ha anche notato una scarsa vendita delle copie del romanzo, salita poi alle stelle dopo essersi rivelata. A questo punto sorge spontanea una domanda: quanto vale il nome? Quanto ci influisce nell’acquisto e nella lettura di un romanzo? Rischia di annebbiarci gli occhi, di farci lodare un libro che invece ha poche qualità e di scartare libri che forse valgono di più ma i cui autori sono appena usciti dall’involucro, ancora sconosciuti nel mondo editoriale? Nome o libro: aperta la sfida. 






Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...