martedì 30 giugno 2015

Recensione: La signora Dalloway

Buongiorno carissimi lettori! Oggi voglio parlarvi dell'ultimo libro di Virginia Woolf che ho letto. Avevo qualche dubbio se farlo o meno perché non mi sento in grado (parlando di competenze e conoscenze specifiche e approfondite sull'autrice). Ma il mio amore per lei è sconfinato quindi proverò semplicemente a esprimere alcune mie emozioni. Per qualsiasi approfondimento simbolico e tecnico, consiglio le prefazioni di Nadia Fusini, traduttrice e curatrice dei suoi romanzi. 

LA SIGNORA DALLOWAY

Virginia Woolf| 177 pp. |  €7,00 (cartaceo)

Un mercoledì di metà giugno del 1923 Clarissa Dalloway, moglie di un deputato conservatore alla Camera dei Lords, esce per comprare dei fiori per la festa che la sera riunirà nella sua casa una variopinta galleria di personaggi. Tra gli altri: Peter Walsh, l'amante respinto, appena tornato dall'India, e l'amica tanto amata, più di ogni uomo, Sally Seton. Per le strade di Londra passeggia anche Septimus Warren Smith, il deuteragonista del romanzo. Nulla sembra legare i due, se non la città di Londra. Clarissa ha cinquant'anni, è ricca. Septimus ne ha appena trenta, è povero e traumatizzato dall'esperienza feroce e violenta della guerra, in cui ha perduto non solo l'amico Evans, ma ogni pace. Eppure i due, senza mai incontrarsi, semplicemente sfiorando gli stessi luoghi, comunicano. Con sapienza straordinaria Virginia Woolf, giunta con questo al suo quarto romanzo, tesse il filo sottile di corrispondenze, echi, emozioni che creano un'opera di grande intensità. Dove un uomo e una donna sconosciuti l'uno all'altra sono accomunati dallo stesso amore e terrore della vita, che li porterà, nell'accettazione (femminile) o nel rifiuto (maschile), ad affermarne comunque l'inestimabile valore.




Avrei molto da dire intorno alle Ore e alla mia scoperta: come io scavi bellissime caverne dietro i miei personaggi, questo mi sembra dia proprio ciò che voglio: umanità, profondità, umorismo. L’idea è che le caverne siano comunicanti e ognuna venga alla luce al momento giusto. (Virginia Woolf)
Virginia Woolf tesse fili di corrispondenze, crea legami lontani, intreccia vite destinate a non conoscersi. Non rimane in superficie, ma scava, penetra, si insinua tra le caverne dell'animo umano, raccoglie quella luce e quell'oscurità tanto temute per portarle al di fuori, tra gli oggetti, tra la realtà quotidiana, si inabissa nel cuore dei personaggi, delle cose, delle azioni, mostra qualsiasi cosa ella trovi, non tace nulla, è un fiume in piena, un tumulto continuo,  un'inarrestabile giostra. Maestra nel flusso di coscienza, cammina tra i pensieri dei personaggi, a volte contrastanti, sorprendenti, singolari ma contemporaneamente universali: si ergono a emblemi, perdono le loro connotazioni e divengono simbolo di quel fulcro cui ogni animo umano protende ma che sembra inaccessibile. Virginia sembra invece aver colto quella verità e ce la mostra con sapienza e delicatezza attraverso un caleidoscopio che punta sui suoi personaggi e che, da qui, si espande circondando la realtà: come il sole appena sorto rischiara poco a poco i paesaggi circostanti, iniziando da una finestra, un albero, un tratto di cielo, così Virginia pian piano rischiara l'animo dei personaggi presentandoli nella loro compiutezza e eccellente globalità. 

"Se scrivo, è per raggiungere le cose centrali, le cose che contano sono la vita e la morte di fronte alle quali gli esseri umani sono così vulnerabili, così impotenti, infanti"


"Voglio rappresentare la vita e la morte, la sanità e la pazzia": questo è l'intento che Virginia si ripropone nei suoi diari nel momento in cui il romanzo inizia a crescere, svilupparsi, prendere forma. E Virginia riesce nell'intento attraverso la contrapposizione dei due protagonisti della storia che mai si incontrano se non toccando gli stessi luoghi di Londra: Clarissa Dalloway e Septimus Warren Smith, due modi diversi di ritrovare se stessi, di affrontare i fantasmi, di immaginare la vita.
Tutto è epifania, ogni singolo oggetto o rumore può innescare una catena di ricordi e memorie: se Clarissa accoglie con gioia il passato per vivere il presente, Septimus invece ne fugge, è vittima degli orrori della guerra e lì vi rimane concatenato, senza speranza nè capacità di proiettarsi oltre il "qui ed ora". Così il movimento ondeggiante di una foglia in uno dei tanti parchi londinesi può ricordare a Clarissa la passione per la danza o le lunghe cavalcate a Bourton, e l'incontro mattutino con Hugh Withbread porta a bussare alla mente di Clarissa diversi ricordi riguardanti la sua giovinezza come quello della figura di Peter Walsh; invece gli episodi critici di Septimus si verificano in concomitanza allo scoppiettio di una marmitta, al volo di un aereo pubblicitario, al passo di marcia che sente sulle scale. Clarissa ama la vita, la esalta con le sue feste mondane, accoglie ogni aspetto del reale nel suo grembo di madre e creatrice; Septimus scorge i demoni del passato dovunque, ascolta le voci dei morti, resta prigioniero dei suoi stessi incubi, rifiuta la vita, trova un abbraccio, una pace, nella morte. E proprio alla fine della festa organizzata dalla signora Dalloway, Clarissa e Septimus entrano in contatto tra di loro, si sfiorano vita e morte e Clarissa si ripiega un attimo in se stessa: si spoglia del proprio io e si nasconde nella "propria stanza vuota, tutta sua" riconoscendo che soltanto una cosa ci è data.. il dono di esistere. 

"Che cos'è questo terrore? che cos'è questa estasi? penso tra di sè. Che cos'è che mi riempe di una tale straordinaria emozione? è Clarissa, disse. Perché , eccola, era lì."




Lo avete letto? Che ne pensate?


lunedì 29 giugno 2015

The young world di Chris Weitz

Carissimi lettori, mancano poche ore e rivedrò Max Pezzali per il firmacopie *-* non vedo l'ora!!

Ma comunque oggi volevo parlarvi di questo libro che ho visto ieri, per caso,in libreria. Non sapevo della sua uscita, ma appena ho visto la cover e letto la trama mi ha subito incuriosita.
Edito in Italia dalla Sperling & Kupfer, e scritto da Chris Weitz.

DAL CANDIDATO AGLI OSCAR, CHRIS WEITZ, REGISTA DI TWILIGHT - NEW MOON E SCENEGGIATORE DI CENERENTOLA E DELL’ATTESO SPIN-OFF DI STAR WARS, IL ROMANZO ADRENALINICO DI UNA NEW YORK POST-APOCALITTICA GIOVANE, INEDITA E SPIETATA.

«Si legge tutto d'un fiato.»
Stephen Chbosky - Autore di Noi siamo infinito.

THE YOUNG WORLD

Sperling & Kupfer | 336 pp. | €19,90
Il mondo che conosci è finito. Da oggi non conta chi sei stato, ma solo chi saprai essere.
Sono bastati due mesi perché un misterioso virus decimasse la popolazione di tutto il mondo: uomini, donne, bambini. Solo gli adolescenti sono stati risparmiati.
In questa nuova società senza regole, dove ogni ordine sociale è scomparso, i giovani sopravvissuti si sono organizzati in tribù e hanno imparato, a modo loro, a farsi strada in una realtà sempre più ostile. New York è ormai una città fantasma e la violenza regna sovrana. Ma a Washington Square, il giovane Jeff è riuscito a ricostruirsi una vita, seppur precaria, insieme al fratello maggiore Wash e Donna, la ragazza di cui è segretamente innamorato. Quando però, raggiunti i diciotto anni, Wash viene colpito dal virus e muore, Jeff decide di avventurarsi nella città insieme ai suoi amici. Perché qualcosa gli dice che là fuori c’è un modo per far tornare tutto come prima e salvare l’umanità…

L'AUTORE:
CHRIS WEITZ è sceneggaitore e regista. Ha diretto, tra gli altri, film di successo come La bussola d’oro e New Moon, il secondo fortunatissimo capitolo della saga di Twilight.The Young World è il suo romanzo d’esordio: primo di una trilogia, è in corso di pubblicazione in 15 Paesi e la Warner Bros ne ha già acquistato i diritti cinematografici.

Che ne pensate?

venerdì 26 giugno 2015

La casa dei cani fantasmi, un nuovo thriller psicologico!

Carissimi lettori, oggi non avrei dovuto pubblicare nient'altro oltre alla recensione, ma mi è arrivata un'email dalla casa editrice con la presentazione di questo libro e non ho resistito *-* ho voluto parlarvene subitissimo.
Chi mi conosce sa che adoro i thriller e che ho amato alla follia Sebastian Fitzek, autore grazie al quale mi sono avvicinata al thriller psicologico, genere che mi attrae in un modo assurdo.
Ebbene il libro di cui vi sto parlando è proprio un thriller psicologico, che ha già incantato il pubblico dell'evento Mare di Libri 2015. Edito in italia dalla Mondadori e scritto da Allan Stratton.



IL LIBRO FENOMENO CHE HA INCANTATO IL PUBBLICO DI MARE DI LIBRI 2015
Un thriller psicologico sullo stalking, un’indagine nel passato, 
uno Stephen King per lettori più giovani.

LA CASA DEI CANI FANTASMI

Mondadori | 264 pp. | €17,00
Io e mia madre siamo in fuga da cinque anni. Ogni volta che lui ci trova, noi traslochiamo in un posto nuovo e ricominciamo tutto da capo. Ma questo posto è diverso. Questo posto è pieno di segreti. Che non mi lasceranno in pace.
La vita di Cameron non è quella di un qualsiasi ragazzo. Da cinque anni lui e sua madre sono braccati dal padre, un uomo violento che li tormenta. Ogni volta li trova, e ogni volta ricomincia la fuga, con un nuovo viaggio disperato in cerca di un altro posto dove stare per un po’. La vita di Cameron è fatta di sospetti, ansie, e molta paura. Sua madre non fa che ripetergli di non fidarsi di nessuno, e l’ha convinto a tal punto che Cameron comincia a non fidarsi più neppure di se stesso. Quando poi si trasferiscono in una fattoria isolata, nella speranza di passare inosservati, la vita del ragazzo diventa un vero incubo. Solitudine e paure si materializzano in visioni inquietanti: un branco di cani feroci, il fantasma di Jacky, un bambino morto tanti anni prima, di cui nessuno vuole parlare. Ma Cameron deve sapere. E comincia a fare domande che scuoteranno l’apparente tranquillità di quel posto dimenticato da tutti. Tranne che da suo padre.
«Fino all’ultima pagina non saprai cosa è vero e cosa inventato.»
Melvine Burgess, vincitore della Carnegie Medal

«Trovo che la scrittura mi lasci scoprire cose sulla natura umana spingendo i confini della mia esperienza personale nell’esperienza immaginata. Questo sono io quando parlo di scrittura e alfabetismo; non intendo solo l’alfabetismo in senso letterale (saper leggere e scrivere), ma anche l’alfabetismo emozionale (l’abilità di avere empatia).»
Allan Stratton, da un’intervista rilasciata ai ragazzi di Mare di Libri 2015



L'AUTORE:
ALLAN STRATTON è uno scrittore e sceneggiatore canadese. I suoi romanzi sono pubblicati in tutto il mondo e hanno ricevuto i premi più prestigiosi.
La casa dei cani fantasma è in corso di pubblicazione in Canada, Gran Bretagna, Australia, Olanda, Stati Uniti, Germania, Francia e Israele.



Che ne pensate di questo libro?

Recensione: Le tredici

Buongiorno carissimi lettori, oggi ricomincio a studiare (tanto per cambiare), però ieri ho scritto questa recensione e volevo farvela leggere subito.
Qualche giorno fa sulla pagina di Facebook vi avevo detto di aver iniziato Le tredici di Susie Moloney e quindi eccovi la recensione. Sono riuscita a leggere il libro in soli due giorni *-* (ultimamente nonostante il poco tempo, sto riuscendo a leggere tanto e in fretta). Avevo da diverso tempo questo ebook e finalmente mi sono decisa a iniziarlo.

LE TREDICI

Giunti | 384 pp. | €16,00
Haven Woods è una specie di paradiso fuori città, un luogo ideale dove abitare e crescere una famiglia. Un posto tranquillo con le sue ville lussuose, i giardini curatissimi, i roseti in fiore e le strade pulite, senza neanche una foglia secca. Qui i cani non abbaiano, ma in compenso gironzolano indisturbati tanti, troppi gatti. Il tasso di criminalità è praticamente inesistente. Almeno in apparenza. Sì, perché a Haven Woods vivono tredici signore elegantissime con tailleur firmati e fili di perle al collo. La morte di una di loro risveglia non solo antiche paure ma anche qualcosa di misterioso e innominabile. E quando Paula Wittmore, che ha abbandonato il villaggio molti anni prima, ritorna per prendersi cura della madre improvvisamente ammalata, non sospetta di essere l'ultima possibilità per le dodici amiche di riportare il circolo al numero magico: tredici. E nemmeno può immaginare a quale destino sta andando incontro: sua figlia, giovane e innocente, potrebbe essere in serio pericolo.

Ho aspettato tanto tempo per leggere questo libro, mi ha sempre incuriosita, ma qualcosa mi tratteneva dal leggerlo. Ero piena di aspettative, che purtroppo sono state in parte deluse.
Ancora tutt'ora mi ritrovo a ripensare a molti punti che non sono stati ben chiariti e che mi hanno lasciata perplessa, con mille domande nella testa.
Ma andiamo per ordine: la storia si ambienta nella cittadina di Haven Wood, dove apparentemente tutto è perfetto. Ma in realtà questa perfezione nasconde un grande segreto sui suoi abitanti. Tredici
signore, tutte perfettine e in salute, nonostante la loro età, sono “a capo” di tutto ciò che accade nella città. Loro hanno stretto un patto con Lui.
Ma la normalità di Haven Wood, viene scossa dal suicidio di una di esse. Soltanto il fatidico numero 13 potrà riportare tutto a come era prima. E qui entra in scena una delle protagoniste assolute del romanzo, Paula Wittmore. Dopo essersene andata tanti anni prima fa ritorno a causa di una quanto mai sospetta malattia della madre. Inizia così l'incubo per Paula e la piccola figlia Rowan, che dovranno far fronte ad una verità, tanto inimmaginabile quanto crudele.


In Le tredici aleggia un'atmosfera cupa ed enigmatica, che tiene il lettore con il fiato sospeso.
La trama è complessa e ingarbugliata. Questo sicuramente alza il livello di tensione e di curiosità del lettore. Solo nelle ultime pagine vengono spiegate alcune questioni. Ma come vi dicevo prima, molte altre sono rimaste senza risposta, a mio parere. Per buona parte del libro, non riuscivo bene ad inquadrare la situazione. Ciò mi ha, comunque, portata a leggere le pagine una dietro l'altra e a non staccarmi dalla storia fino all'ultimo.
I capitoli si alternano con le descrizioni in terza persona da parte dei vari personaggi. Ciò mi ha un po' disorientata, perché perdevo spesso il filo della storia principale (io non amo questo tipo di narrazione).
La lettura comunque scorre veloce, con piccoli intoppi dovuti all'incomprensione di ciò che sta accadendo.

Nonostante i punti a sfavore, è stata una lettura piacevole e molto adrenalinica. Lo consiglio a chi ha voglia di un libro che lo tenga incollato alle pagine e che trasmetta paura, ma non troppa (non siamo ai livelli di un horror).

VOTO:


Che ne pensate?
Voi lo avete letto?



giovedì 25 giugno 2015

Esce oggi: Half Wild

Cari lettori, buona giornata ^^ questa mattina ho dato un esame e adesso aspetto i risultati, speriamo bene.
Intanto vi voglio parlare di una nuova uscita per la Rizzoli. Si tratta del secondo libro di Sally Green, seguito di Half Bad, di cui avrete sicuramente sentito parlare in giro.
Io ho acquistato proprio ieri - vi giuro che non sapevo ancora che oggi sarebbe uscito il secondo - il primo volume a €5 in una bancarella dell'usato *-* quando ho scoperto dell'uscita di oggi, ero al settimo cielo. Quindi penso che Half Bad sarà proprio la mia prossima lettura, sono curiosa di iniziare questa serie.

HALF WILD

Rizzoli | 416 pp. | €15,00
Torna Nathan, giovane mago con un’unica colpa, quella che abbiamo tutti: non essere né tutto Bianco né tutto Nero. 
Il mondo sta cambiando. I capi degli Incanti Bianchi mirano a sterminare i Neri. Per contrastarli nasce un’Alleanza in cui Neri, Bianchi e Mezzo Sangue combattono fianco a fianco. Nathan viene invitato a farne parte, ma prima deve ritrovare Annalise che è prigioniera, perché liberarla gli sta più a cuore di tutto il resto. Annalise, il grande amore di Nathan, appartiene a una famiglia di Bianchi che lo odia. Nathan è convinto di potersi fidare di lei, ma ha ragione di farlo, oppure dovrebbe ascoltare i dubbi dell’amico Gabriel? Conteso tra Annalise e Gabriel, Nathan lo è anche tra la sua natura bianca e quella nera, tra il desiderio di vedere Marcus, suo padre, e il timore. L’Alleanza sarà il pretesto per ritrovare il suo temibile genitore. Scoprire quell’uomo che nella sua vita è sempre stato assente sarà la grande sfida personale di Nathan.

«Ecco l’erede al trono di Stephenie Meyer.» – “The
Times”


Voi avete letto il primo libro?
Fatemi sapere se vi è piaciuto!

mercoledì 24 giugno 2015

WWW Wednesdays #26

Buongiorno carissimi lettori! Finalmente sono tornato anche io operativo sul blog... e finalmente ho anche tempo per leggere! Quindi oggi vi aggiorno sulle mie (ben tornate) letture ^^



WWW Wednesdays è una rubrica americana ideata dal blog "Should Be Reading". Questa rubrica ha cadenza settimanale, precisamente il Mercoledì, come si può capire dal nome stesso.
La rubrica prevede di rispondere a tre domande, è molto semplice. 

What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)
Ho appena iniziato un libro che ho ritrovato a casa tra le buste arrivatemi da tempo (sto passando qualche giorno in Sicilia) da parte delle case editrici. Ringrazio infatti la casa editrice BEAT per la copia di questo libro che ho trovato per caso su internet e che mi ha colpito. 


What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)
Cosa c'è di meglio se non iniziare perdendosi nella mente sconfinata di Virginia Woolf? Ogni libro un capolavoro. Tra l'altro, mi sono sempre ripromesso di leggere questo suo romanzo (da almeno due anni). 



What do you think you'll read next? (Quale sarà il prossimo libro che leggerai?)
Su questo, sono abbastanza indeciso. Vedremo cosa deciderò di portare con me a Roma. Di seguito vi lascio alcuni titoli. 

  


Ora sapete le mie letture ^^
E voi, cosa rispondete?

martedì 23 giugno 2015

Esce oggi: La ragazza del treno di Paula Hawkins

Cari lettori dovevo parlarvi già da un po' di questa uscita, ma per vari motivi ho sempre rimandato.
La ragazza del treno libro di cui avrete sicuramente sentito parlare esce oggi 23 Giugno, per la casa editrice Piemme. Il libro ha già stregato milioni di lettori nel mondo, quindi cosa aspettate a leggerlo anche voi?
Io sono davvero curiosa, la trama mi ispira parecchio e devo ammettere anche la cover.

LA RAGAZZA DEL TRENO

Piemme | 378 pp. | €19,50 (cartaceo)
La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata. Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua.
Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto. La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola, e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma che cos’ha visto davvero Rachel?
Nelle mani sapienti di Paula Hawkins, il lettore viene travolto da una serie di bugie, verità, colpi di scena e ribaltamenti della trama che rendono questo romanzo un thriller da leggere compulsivamente, con un finale ineguagliabile. Decisamente il debutto dell’anno, ai vertici di tutte le classifiche.


L'AUTRICE:
Paula Hawkins ha lavorato quindici anni come giornalista prima di dedicarsi alla scrittura. La ragazza del treno è il suo primo thriller. Venduto agli editori di tutto il mondo prima ancora dell’uscita, è stato opzionato da Dreamworks.

Potete trovare ulteriori info al seguente link: qui. E mi raccomando, per qualsiasi cosa usate l'hashtag #LaRagazzaDelTreno.


Che ne pensate?
Siete già andati ad acquistarlo in libreria?


Recensione: La verità celata

Cari lettori buongiorno! Ieri alla fine non sono più riuscita a terminare questa recensione se non di notte xD quindi ho deciso di pubblicarla oggi.
Il libro di cui vi parlo ve lo avevo già presentato qualche giorno fa qui.
La verità celata è un thriller scritto da Seb Kirby, autore self che ha portato il suo libro in Italia grazie all'aiuto della traduttrice Monica R. Pelà.

LA VERITÀ CELATA

Seb Kirby | 252 pp. | €2,99 (eBook) | €9,87 (cartaceo)

"Un viaggio artistico nel crimine - emozionante e originale"
Julia Blake è una restauratrice che si occupa di arte classica. La sua specialità è quella di indagare sotto la superficie dei dipinti per scoprire cosa nascondono. Lei è sicura che un buon numero di preziosi dipinti mancanti, ritenuti 'perduti o distrutti', siano in realtà stati sovradipinti con un altro lavoro, come metodo per nasconderli. A tale proposito, Julia ha rintracciato a Firenze una collezione di dipinti che sembra molto interessante ed è andata in questa città per cercare di scoprire un capolavoro nascosto e affermarsi nel mondo dell'arte.
La verità celata inizia quando James Blake, il marito di Julia, rientra nella loro casa a Londra e scopre che lei è stata uccisa. Che cosa l'aveva riportata a Londra senza preavviso? Perché qualcuno ha commesso questo sconvolgente crimine?
Blake è deciso a trovare i suoi assassini ma ha poco a cui aggrapparsi. Solo l'ultimo messaggio che Julia gli ha inviato dal suo telefono cellulare, 'Aiutami', con un allegato che mostra il dipinto di Michelangelo 'Leda e il cigno'.
Come primo sospettato del delitto, James fugge dall'Inghilterra e si trova a percorrere una strada lastricata di inganni e pericoli attraverso i paesaggi mozzafiato di Venezia e Firenze in un mondo sommerso fatto di crimine, cospirazione e corruzione. Un percorso che lo porterà a scoprire l'assassino e la shockante verità celata dietro il mistero.


La verità celata si presenta subito come un buon thriller, con tutti i presupposti per piacere al lettore del genere. E io amante di thriller e polizieschi, posso dire di aver apprezzato questo libro, la storia, i personaggi e il continuo aleggiare di mistero e suspanse.
Il libro inizia subito, già nella prima pagina, con un omicidio. James Blake, il vero protagonista di tutta la storia, tornando nella sua casa a Londra, trova dietro la porta il cadavere della moglie Julia.
Subito percepiamo il panico e la successiva tristezza e angoscia del marito. Che come se non bastasse, diviene il sospettato numero uno dell'omicidio.
Ma James non può starsene senza far nulla, vuole scoprire a tutti i costi chi ha ucciso sua moglie. Come unico indizio il protagonista ha una foto di un quadro, inviata dalla donna poco prima di morire. Quadro andato perduto, a cui lei stava dando la caccia.
Iniziamo così a conoscere le vite di James e Julia, lui produttore radiofonico, lei studiosa di opere d'arte e restauratrice.
Ma con l'avanzare delle pagine, faremo la conoscenza anche di nuovi personaggi, ognuno con la propria personalità. I capitoli si alternano con la narrazione in prima persona, da parte dei vari personaggi. Quindi lungo il corso della storia potremo scoprire quale sia il ruolo di ciascuno di essi nell'intera vicenda e sempre nuovi dettagli sull'omicidio.
Il lettore è trasportato pagina dopo pagina, alla scoperta della verità. Avrà la possibilità di riuscire a capire ben presto come stanno le cose, anche se non sarà tutto chiaro fino all'ultimo.
La storia è piena di colpi di scena, che lasciano il lettore a bocca aperta e con una curiosità crescente, che lo “costringerà” a proseguire la lettura.

L'autore Seb Kirby ha fatto un ottimo lavoro, a mio parere, nel raccontare la storia. La lettura prosegue veloce, grazie allo stile semplice e ben dettagliato. Forse in alcuni punti l'ho trovato un po' prolisso, con puntualizzazioni a mio avviso superflue.
Quello che mi ha dato maggiormente fastidio durante il proseguire della lettura, è stato il fatto di dover leggere capitoli diversi, con protagonisti e narratori diversi. Ciò mi ha disorientata essendo molti i personaggi e molte le loro storie personali.
Ma nel complesso il libro mi è piaciuto molto. Era ciò che mi aspettavo, un libro pieno di suspanse e che riuscisse a tenere alta la mia concentrazione e curiosità.
Lo consiglio a tutti i lettori del genere. Se volete scoprire se e come è morta Julia, non vi rimane che leggerlo!

VOTO:




lunedì 22 giugno 2015

Segnaliamo #7: Eleinda. La vita prima della leggenda - Dov'è Alice? - La stagione del ritorno

Carissimi lettori buon inizio di settimana!
Io sto scrivendo una nuova recensione, ma non so se riesco a terminarla oggi, quindi intanto volevo segnalarvi tre libri, rigorosamente italiani. Quindi diamo il via ad una nuova puntata della nostra rubrica Segnaliamo...

Questa rubrica l'abbiamo voluta intitolare "Segnaliamo" per lo scopo per la quale è nata. Sarà pubblicata ogni volta che qualche autore/autrice richiede una segnalazione della propria opera. Nasce, soprattutto, per aiutare i lettori a trovare sempre nuovi libri nostrani, i quali spesso vengono sottovalutati e allo stesso tempo per aiutare gli autori ad emergere e farsi conoscere. Spero vi possa essere di aiuto.

Primo libro di cui vi parlo è un racconto prequel di Eleinda di Valentina Bellettini, libro di cui vi ho già parlato qui. Questo racconto sarà diviso in tre puntate e sarà disponibile gratuitamente, in formato digitale. Sono già state pubblicate tutte e tre le parti, quindi non vi rimane che leggerle! Vi lascio i link per scaricarlo sotto.

ELEINDA - LA VITA PRIMA DELLA LEGGENDA

Nulla Die | 76 pp. | gratuito
Eleonora sta per diplomarsi, e questa è l’ultima occasione per dichiararsi al suo compagno di scuola prima di trasferirsi da Verona all’università di Milano. È anche l’ultimo anno che deve sopportare un gruppetto di “bulle” che la rendono protagonista di episodi imbarazzanti.
A Milano, la European Technology sta attraversando la perdita del fondatore “I”: mentre l’egocentrico dipendente Davide Guerra cerca una ragazza con cui dividere l’affitto del suo appartamento, il dottor Brandi prende le redini dell’azienda, usando i laboratori per il compimento dei suoi piani segreti.
Nella frazione di Villapace, il nonno Salvo e il nipote Alessandro sono costretti ad affrontare una serie di eventi che minacciano il futuro della loro fattoria, compresa l’eventualità del giovane di abbandonare la vita in campagna per una fidanzata molto ambiziosa.
Ambientato tre stagioni (primavera, estate e autunno) prima degli eventi di “Eleinda – Una leggenda dal futuro”, il racconto narra le vite dei cinque protagonisti, inconsapevoli che le loro strade sono destinate a incrociarsi.
L’uovo di una creatura leggendaria si sta per schiudere.

Dove posso scaricare l'ebook?
Potrete scaricare il racconto dall'app della casa editrice. 
Quindi per smarthphone e tablet: qui; Per PC: qui



Del secondo libro, avrete magari già sentito parlare in giro su internet. E' un fantasy, scritto da Stefania Siano, edito Lettere Animate

DOV'È ALICE?

Lettere Animate | €1,49 (Ebook) | €10,00 (cartaceo)
Arianna vive a Città dei Sogni e adora sua sorella Alice, una bambola di porcellana capace di parlare e pensare come un essere umano che suo padre ha costruito per lei quando era ancora una bambina. Un giorno Alice scompare misteriosamente, suo padre non le dà alcuna spiegazione e non sembra interessato a cercare la sua sorellina, ma Arianna non si dà per vinta: assieme ai suoi amici Lea e Leo e al suo pupazzo di infanzia il Signor Bianconiglio, decide di partire alla ricerca di Alice; per farlo dovrà attraversare il caos di Paese Sogni d’Oro, il grigiore di Periferia Dormiveglia, la Discarica dei Ricordi e il Distretto Risveglio. Arianna dovrà capire da sola qual è la strada giusta da seguire: dare retta al Dottor Z, un individuo mascherato, vestito da prestigiatore che cammina sui trampoli e che sembra sapere tutto di lei o fidarsi dei consigli del Signor Bianconiglio? Arianna non lo sa, ma l’unica cosa che può salvarla è trovare una risposta alla domanda: “dov’è Alice?”

Dove posso acquistare il libro?
Lo trovate su diversi store online: AmazonKoboIBS,...


Il terzo libro è un fantasy epico, edito da Runa Editrice e scritto da Angela Di Bartolo. Si presenta come "un fantasy non convenzionale rivolto a lettori che amino immergersi in mondi complessi, lettori in cerca non solo di evasione, ma anche di stimoli di riflessione sui grandi temi dell’esistenza umana."

LA STAGIONE DEL RITORNO

Runa editrice | 700 pp. | €19,90
Nelle Terre d’Oriente si verificano strani delitti. Savìla e Lirian se ne addossano a vicenda la colpa. Diffidenza e sospetto si spargono come un veleno, dopo secoli di pace si torna a parlare di guerra. Pochi sanno che è un altro, il nemico: un’ombra maligna che penetra le menti degli uomini, che fa leva sul loro orgoglio per asservirli, per spingere i popoli a uno scontro totale.

E la guerra esploderà, feroce fino alla barbarie, coinvolgendo tutte le Terre d’Oriente. L’unica speranza è un fiore d’argento, un talismano che solo un uomo potrà ritrovare.
Sarà un cammino sull’orlo dell’abisso, un arduo viaggio per luoghi remoti ma anche all’interno di sé, a confronto coi propri demoni in una lotta dall’esito mai scontato.
La Stagione del Ritorno è la storia di una discesa all’inferno e di una faticosa risalita, in un difficile percorso di maturazione di individui e popoli verso un nuovo equilibrio.
Universo fantastico e realistico insieme, quello de La Stagione del Ritorno è un mondo dai tratti rinascimentali e mediterranei dove re e contadini, servitori e maghi si muovono tra intrighi di corte e incantesimi, creature del male e battaglie, eroismo e tradimento. 
Una storia a più voci narrata con una sensibilità moderna, attenta alle dinamiche interiori e interpersonali, agli interrogativi etici, ai conflitti, ai simboli.
Un fantasy non convenzionale rivolto a lettori che amino immergersi in mondi complessi, lettori in cerca non solo di evasione, ma anche di stimoli di riflessione sui grandi temi dell’esistenza umana.



Che ne pensate di questi libri?







domenica 21 giugno 2015

La conosci questa? #22

Buongiorno e buona Domenica carissimi lettori.
Come annunciato ieri sulla pagina Facebook, oggi ritorna la nostra rubrica La conosci questa?, è da tanto che non pubblichiamo nuove parole, quindi mi sembra sia giunto il momento.
Vi ricordo che voi potete suggerirci tutte le parole che volete, noi le pubblicheremo nella puntata successiva.



La conosci questa? è una rubrica che nasce dalla nostra idea di ricercare vocaboli italiani, poco usati e poco conosciuti. Infatti, sono tantissime le parole italiane che sono riposte nel vocabolario senza che quasi nessuno ne sappia l'esistenza. Con questa rubrica vogliamo riportare alla luce nuove parole e sfidarvi... voi conoscete queste parole?



RODOMONTE

Rodomonte s. m. – Propriam., nome (Rodomonte) di un personaggio dell’Orlando innamorato di M. M. Boiardo e dell’Orlando furioso di L. Ariosto, un guerriero saraceno fortissimo, temerario e orgoglioso, che affronta con ostentato disprezzo ogni pericolo e avversità. Per antonomasia, come nome comune, individuo prepotente e spavaldo, che fa minacce o soprusi, che si mette in imprese arrischiate per esibizione di forza o d’autorità: fare il r.; aveva saputo ... far stare a dovere il marchese Stanislao, ch’era quel r. che ognun sa (Manzoni).


LURCO

Lurco agg. [dal lat. lurco (-onis)] (pl. m. -chi), letter. – Ghiottone, mangione e beone ingordo; epiteto dato da Dante ai Tedeschi: E come là tra li Tedeschi lurchi ... (Inf. XVII, 21), e rimasto poi nell’uso per reminiscenza dantesca. Anche sostantivato: La primavera in fior mena tedeschi Pur come d’uso. Fanno pasqua i lurchi Ne le lor tane, e poi calano a valle (Carducci).

FATTICCIO

Fatticcio agg. [der. di fatto, part. pass. di fare] (pl. f. -ce). – Grosso, robusto, tarchiato (detto di persona, e spec. di ragazzo). ◆ Accr. fatticcióne.


Conoscevate queste tre parole?
Voi quali parole "strane" conoscete?

venerdì 19 giugno 2015

Uscite Giugno Giunti Y

Carissimi lettori dovevo già farvi vedere queste nuove uscite da un po', ma essendo un post lungo ho sempre rimandato per mancanza di tempo. Ma dopo aver affrontato un esame ieri, mi sto concedendo qualche ora di relax e quindi eccomi qui.

Quelli che vi mostro oggi sono le ultime uscite firmate Giunti, alcuni di questi libri sono già usciti all'inizio di Giugno, altri usciranno nei prossimi giorni.
Tra questi il primo che vi presento, magari lo starete aspettando in tanti =D fatemi sapere!!

OPPOSITION
Uscita: 24 Giugno

Giunti Y | 352 pp. | €12,00
Dopo la fuga rocambolesca dalla prigione di ''Dedalo'', Daemon e Katy sono convinti di essere in salvo una volta per tutte. Finché davanti ai loro occhi increduli si materializza il peggiore degli incubi: la notte all'improvviso è illuminata da migliaia e migliaia di Luxen che solcano il cielo come stelle cadenti. Di fronte a un'invasione di questa portata, nessuno sulla Terra potrà più considerarsi al sicuro, nemmeno la famiglia Black. Daemon non può certo sottrarsi alla sfida, e insieme al gemello Dawson e alla sorella Dee decide di andare incontro alle schiere di Luxen per capire le loro intenzioni. Intanto Katy è sempre più preoccupata: i giorni passano e la ragazza non può fare a meno di chiedersi se Daemon tornerà davvero, e soprattutto se al ritorno sarà ancora lo stesso... Quando finalmente rivedrà i suoi magnetici occhi verdi, Katy stenterà a credere a quello che sta accadendo: il ragazzo che ama ha preso una terribile decisione. Ma come è possibile? Dopo tutto quello che hanno passato insieme, dopo tutto l'amore che li ha uniti, Daemon può davvero rinnegare il passato? Mentre il confine tra il bene e il male si assottiglia pericolosamente, Daemon e Katy sono di fronte alla prova più grande che abbiano mai immaginato.
Un finale epico, sconvolgente e incredibilmente romantico per la saga più amata dai giovani lettori di tutto il mondo.


LA PIETÀ DELL'ACQUA
Uscita: 3 Giugno


Giunti | 224 pp. | €12,90
È un ferragosto rovente e sulle colline toscane ai confini di Valdenza viene trovato il corpo di un uomo, ucciso con una revolverata alla nuca, sotto quello che in paese tutti chiamano “il castagno dell’impiccato”. Non un omicidio qualunque, ma una vera e propria esecuzione, come risulta subito evidente all’occhio esperto del commissario Casabona, costretto a rientrare in tutta fretta dalle ferie, dopo un’accesa discussione con la moglie. Casabona non fa in tempo a dare inizio alle indagini, però, che il caso gli viene sottratto dalla direzione antimafia. Strano, molto strano. Come l’atmosfera di quei luoghi: dopo lo svuotamento della diga costruita nel dopoguerra, dalle acque del lago è riemerso il vecchio borgo fantasma di Torre Ghibellina, con le sue casupole di pietra, l’antico campanile e il piccolo cimitero. E fra le centinaia di turisti accorsi per l’evento, Casabona si imbatte in Monique, un’affascinante e indomita giornalista francese. O almeno, questo è ciò che dice di essere. Perché in realtà la donna sta indagando su un misterioso dossier che denuncia una strage nazista avvenuta proprio nel paesino sommerso.
Un dossier scottante, passato di mano in mano come una sentenza di morte, portandosi dietro un’inspiegabile catena di omicidi. E tra una fuga a Parigi e un precipitoso rientro sui colli, Casabona sarà chiamato a scoprire che cosa nascondono da decenni le acque torbide del lago di Bali. Qual è il prezzo della verità? E può la giustizia aiutare a dimenticare?
Una nuova indagine sulla ferocia di un passato che non dimentica attende il commissario Casabona. Dopo Ogni giorno ha il suo male, il secondo noir di Antonio Fusco ambientato sulle colline toscane.

QUANDO MENO TE LO ASPETTI
Uscita: 10 Giugno


Giunti | 272 pp. | €14,00
“Quando meno te lo aspetti” è l’ultimo romanzo di Chiara Moscardelli.
Penelope Stregatti, barese, con una nonna cartomante, ha trentasei anni, una laurea, due master in giornalismo e parla cinque lingue. Dei sogni che aveva però non ne ha realizzato neanche uno. Lavora come addetta stampa in una multinazionale di pannolini, la Pimpax Spa, e nel tempo libero scrive test e oroscopi sessuali per «Girl Power», un settimanale femminile. Trova il tuo punto G, sei una vaginale o una clitoridea?
Sogna il grande amore, quello con la A maiuscola, ma incrocia solo uomini in cerca di sesso con la esse minuscola. Con i suoi amici Federico, lo sceneggiatore, Letizia, l’avvocato, e Bianca, l’antiquaria, trascorre le giornate sperando che prima o poi qualcosa di speciale possa accadere. E quando investe con la bicicletta Alberto Ristori, rompendogli una gamba, capisce subito che questo qualcosa è arrivato. Un mese dopo alla Pimpax Spa si presenta un consulente incaricato della ristrutturazione: Riccardo Galanti. Ma Penelope lo riconosce, è Alberto Ristori. Perché si fa chiamare in un altro modo? Perché dice di non averla mai incontrata prima? Chi è veramente quest’uomo così carismatico? Penelope ha paura di lui ma ne è attratta, e quando arriva il momento di decidere se buttarsi o no, lei non si tira indietro, perché la vita è un’avventura e tutto può succedere, quando meno te lo aspetti.


AMORE E ALTRI IMPREVISTI
Uscita: 24 Giugno


Giunti | 320 pp. | €9,90
Chi non ha mai fatto la cosa sbagliata al momento sbagliato?
Il futuro non è mai parso così roseo a Waverly: la sua linea di biglietti di auguri va a gonfie vele, cura una rubrica per cuori infranti sul Sun e ha una storia a distanza con Jake, uno schianto d'uomo. Con le amiche di sempre al suo fianco e i preziosi consigli dell'adorabile vecchietto che vive nell'appartamento accanto, la sua vita sembra quasi perfetta. Ma nonostante abbia fatto tanta strada da quando Aaron l'ha mollata sull'altare, Waverly ha una paura folle che qualcuno possa di nuovo spezzarle il cuore e non riesce a lasciarsi andare completamente con Jake. Una sera partecipa alla puntata di San Valentino di un noto programma tv, trampolino di lancio ideale per la sua rubrica, ma nella frenesia della diretta, Waverly finisce per raccontare imbarazzanti episodi del suo recente passato da single. La trasmissione è un successo, peccato che Jake non sia altrettanto entusiasta delle sue performance sentimentali... In un turbine di malintesi, tra fidanzati che non sono quello che sembrano, lettere misteriose che arrivano all'indirizzo sbagliato e dichiarazioni mancate, Waverly dovrà ricorrere a tutta la sua positività per far fronte agli inaspettati cambiamenti che rischiano di travolgere la sua vita.
La nuova, adorabile Bridget Jones torna con un'altra esilarante, romantica avventura.


Quale libro vi incuriosisce?
Che ne pensate di queste nuove uscite?

giovedì 18 giugno 2015

"Aspettando te" il nuovo romanzo di Kristan Higgins

Cari lettori buongiorno! Io in questo momento sarò a fare il terribile orale di Fisica, quindi mandatevi le vostre energie positive! Per favoreeee T.T

Ma non volevo lasciarvi senza post, quindi ieri ho programmato questa segnalazione a cui tenevo parecchio. Come alcuni di voi ricorderanno ho amato Kristan Higgins dal primo libro che ho letto Se torno, ti sposto (qui la mia recensione), quindi parlare del suo nuovo romanzo, terzo della serie Blue Heron, mi sembrava il minimo! Io ho il secondo, ma ancora devo leggerlo.
E' uscito il 16 Giugno per la Harlequin Mondadori, quindi potete già trovarlo nelle librerie e negli store online.

ASPETTANDO TE

Harlequin Mondadori | 464 pp. | €12,90
Colleen O'Rourke è innamorata dell'amore, per così dire. Sarà perché se ne sta tutto il giorno dietro il bancone del suo bar, dispensando consigli amorosi, preparando Martini e rimanendo, più o meno felicemente, single. Per quanto la riguarda, infatti... be', l'amore non fa per lei. Non più, dopo che dieci anni prima Lucas Campbell le ha spezzato il cuoreesperienza che Colleen non ha nessuna intenzione di ripetere, grazie tante! Meglio limitarsi a qualche cottarella passeggera, a qualche flirt di "buona qualità" e a fare da cupido per amici e conoscenti, cosa per la quale sembra avere un talento naturale.
Fino a quando un'emergenza di famiglia non riporta Lucas a casa, più bello e affascinante che mai, sempre lui, l'unico uomo che Colleen abbia amato. Sembra che tra loro ci sia un discorso rimasto in sospeso, ma che fare ora? Abbassare la guardia e rischiare di perdere il cuore, o rischiare di perdere un'irripetibile seconda occasione?

 I LIBRI PRECEDENTI:

Un bel giorno di giugno, davanti a mezza città, in uno sfarzoso abito da principessa, con in mano un profumato bouquet di rose, Faith Elizabeth Holland fu piantata all'altare. Ma questo è successo un po' di tempo fa. Da allora, dopo quell'umiliazione cocente, se ne è andata ed è diventata “un po’ cauta”, con gli uomini, tanto da aver inventato un metodo sicuro per non farsi più fregare: l’interrogatorio. La cautela, però, non è mai abbastanza, a quanto pare. Clint aveva superato tutti i suoi test, sembrava affidabile, perfetto, tanto perfetto che non gli mancava nulla, nemmeno moglie e figli. Carogna! Così, quando una crisi familiare richiama Faith alla Blue Heron Winery, l'azienda vinicola di famiglia, lei coglie la palla al balzo per allontanarsi il più possibile da quell'ultima delusione. Lì incontra di nuovo Levi, migliore amico del suo ex, mancato testimone di nozze e responsabile del suo abbandono. Lo stesso che l’aveva baciata. Lo stesso che forse lei vorrebbe baciare ancora!

La perfezione è la caratteristica principale di Honor Holland, precisa, impeccabile e organizzata come nessuno mai. Tanto che a ogni compleanno ha un bizzarro appuntamento fisso e imprescindibile. Una sorta di messa a punto, per essere certa di non stare invecchiando troppo. Quando però, viene mollata dall'uomo che ha frequentato, di nascosto, per una vita, il muro di perfezione dietro il quale si è a lungo nascosta crolla, rendendola avventata e impulsiva, tanto da prendere decisioni impensabili per lei. Così, un po' per fare ingelosire quel farabutto, un po' per spirito di solidarietà, accetta di sposare Tom Barlow, che ha bisogno di un matrimonio di convenienza per ottenere la Green Card. Ma trattandosi di Honor, c'è da aspettarsi che questo finto fidanzamento si riveli la cosa più autentica che le sia mai capitata. Così perfetta come solo l'amore può essere.


Voi avete letto i libri precedenti?
Che ne pensate di Kristan Higgins? 

mercoledì 17 giugno 2015

Recensione: Come petali sulla neve di Antonella Iuliano

Qualche giorno fa vi avevo annunciato l'uscita del nuovo libro di Antonella Iuliano: Come petali sulla neve. Libro che avevo il piacere di leggere, dopo aver amato il suo precedente libro Charlotte (trovate la mia recensione qui).
Ho scritto una recensione più breve del solito, perché innanzitutto non ho voluto dire quasi nulla sulla storia, per non rovinarvi la lettura, poi anche perché credo di aver scritto tutto ciò che andava detto di questo libro, nulla di più, nulla di meno.
Ora spero di avervi incuriositi almeno un po' ^^

COME PETALI SULLA NEVE

Genesis Publishing | 200 pp. | €3,99 (eBook)

“Come petali sulla neverecisi dallo stesso fiore,sospinti da un impetuoso ventoin remoti luoghi,ad appassir lontani.” 
Il giorno in cui scrive questi versi, Philip Shannon sente di aver perso le poche certezze racimolate nella sua vita apolide. È seduto dietro una finestra con il cuore affranto e lo sguardo fisso sull’ultima neve di marzo.
La sua storia è iniziata soltanto pochi mesi prima, dietro un altro vetro, freddo e umido, a migliaia di chilometri di distanza. Una pioggia insistente, quel giorno, sferzava le strade dove raramente si era avventurato nei suoi lunghi anni trascorsi all’Istituto per orfanelli S. Vincent, in Irlanda del Nord.
La sua esistenza è una landa desolata dove la neve si è posata così a lungo e il freddo è tale da cristallizzare il passato, come nella fotografia che ha accidentalmente ritrovato nell’archivio dell’Istituto: l’immagine di due bambini troppo simili, e la certezza che uno dei due sia proprio lui, è tutto ciò che ha. Oltre il vetro e la pioggia, esiste qualcuno che è parte della famiglia che non ha mai avuto; qualcuno con il suo stesso aspetto; qualcuno a cui lui appartiene e che gli appartiene.
Un viaggio a ritroso, tra molte ombre e pochissime luci, sembra destinato a concludersi in un vicolo cieco, ma la sensazione che qualcuno abbia voluto chiudere a doppia mandata ogni uscio che si affacci sulla verità è più forte.
Adesso Philip è in Inghilterra, dove l’hanno condotto i pochi indizi in suo possesso; ha nuovi amici ma anche più grandi amarezze, perché nulla è andato come si augurava.
Una resa può essere la migliore delle soluzioni se si tenta di scalare un muro inespugnabile di menzogne e si è costretti a farlo a mani nude, questo Philip lo sa bene il giorno in cui paragona la propria vita e quella del suo gemello ai petali di un fiore disfatto dall’impeto di una tormenta avvenuta oltre vent’anni prima e destinati forse a perdesi per sempre.
Un amore malato e un nuovo inverno, porteranno le risposte.

Come petali sulla neve è il secondo libro che leggo dell'autrice e ancora una volta ne sono rimasta piacevolmente colpita.
E' difficile trovare negli ultimi anni un libro dallo stile classico e che trasmetta l'amore per la letteratura, come questo. Antonella Iuliano è riuscita a raccontare una storia struggente, emozionante ma senza cadere mai nel banale o nel ridicolo. Mantenendo sempre una linea di credibilità che fa apprezzare al lettore ciò che sta leggendo.
La storia si alterna tra speranza e delusione, tra felicità ed angoscia. Quella raccontata da Antonella è una storia piena di sentimenti, come già detto, che verranno riversati sul lettore, che volente o meno si ritrova a provare quelle stesse emozioni, provate dai protagonisti.
Ancora il lettore, proprio per la sua sentita partecipazione, sente il bisogno di scoprire la verità. Verità che solo all'ultimo verrà svelata, con un grande colpo di scena, impensabile prima di quelle ultime pagine.
I protagonisti vengono presentati a 360°, soprattutto Philip il protagonista principale e narratore, da cui parte tutta la storia. Raccontata sotto forma di autobiografia.
Pagina dopo pagina il lettore si addentra nel mondo della storia e vinto dalla curiosità, non riuscirà a staccarsi fino a quando non sarà arrivato, ahimè, alla fine.
Nulla in questo libro è lasciato al caso, tutto è minuziosamente studiato. Anche il titolo ha un suo perché (che ovviamente non vi svelerò).

Credo che l'autrice abbia speso molto tempo nello studio di uno stile così ricercato, ma allo stesso tempo leggero. Troverete al suo interno molte frasi davvero belle e significative.
La lettura scorre veloce e si riesce a leggere il libro in pochi giorni.
Anche il libro precedentemente letto dell'autrice, avevo lo stesso stile, quindi penso che Antonella abbia una bravura non più diffusa, purtroppo, tra gli autori “di oggi”. Proprio per questo vi consiglio vivamente di leggere i suoi libri, perché credo che possiate davvero apprezzare il suo modo di scrivere e le sue storie.

VOTO:


Voi avete letto questo libro?
Che ne pensate?


martedì 16 giugno 2015

Recensione: Spire di fuoco

Cari lettori oggi finalmente dopo oltre due settimane sono riuscita a scrivere questa recensione. Purtroppo in questo periodo a causa della sessione estiva sono super impegnata e trovare il tempo per il blog è davvero difficile. Ma  stamattina ho fatto un esame e quindi mi sto prendendo una pausa e ne ho approfittato.
Così eccovi qui la mia recensione di Spire di fuoco, terzo e ultimo capitolo della serie La casa dei demoni di Marta Palazzesi, edita dalla Giunti.
Ho già letto e recensito i primi due libri e il prequel, vi lascio di seguito i link:

  1. Il bacio della morte
  2. Il sogno dell'incubo
  3. Prequel: Il marchio di Damian
Tempo fa avevo anche intervistato la protagonista Thea, per la nostra sezione di interviste ai personaggi: qui.

SPIRE DI FUOCO

Giunti | 304 pp. | €12,00
"Tu non conosci la paura", si è sentita dire tante volte dopo uno dei suoi gesti avventati.
Ma adesso Thea, la giovane cacciatrice di demoni Azura, sa che non è così: la morte improvvisa di qualcuno a lei caro sta facendo vacillare la sua spavalderia. Soprattutto quando, durante una spedizione nel folto dei boschi rumeni, si trova di fronte un nuovo, insidioso nemico: le Vâle Nere, entità malefiche delle foreste. Ma le sfide non sono finite. Rientrata a Palazzo, Thea scopre che il padre Zarmayr se ne è andato senza spiegazioni, ossessionato da una sua personale crociata. Ormai la ragazza può contare soltanto sull'amore di Damian, ancora più forte dopo tante difficoltà. Eppure neanche lui potrà aiutarla quando si ritroverà nella torre nera di Vera Ruja, potentissima regina delle Vâle...
Uno scontro all'ultimo sangue per un finale che vi lascerà senza fiato. L'emozionante capitolo conclusivo della trilogia "La Casa dei Demoni".


 Si conclude con Spire di fuoco la trilogia “La casa dei demoni”. Ho letto tutti i libri più il prequel dedicato al protagonista maschile ed ora posso affermare di essere rimasta soddisfatta dall'intera serie.
Se il secondo libro però mi era piaciuto maggiormente rispetto al primo, purtroppo con questo terzo libro ritorno a storcere un po' il naso.
Premesso questo però il libro mi è piaciuto, mi ha ugualmente coinvolta per tutta la durata della lettura e sono arrivata alla fine serenamente, in pochi giorni.

Questa volta oltre a Thea che dovrà affrontare sempre nuove sfide, al centro dell'attenzione vi è il padre Zarmayr che farà fronte ad una vendetta personale e che lascerà quindi per un po' la vera protagonista da parte. Questo mi è dispiaciuto, perché iniziando a leggere mi aspettavo di ritrovare al centro di tutto, il continuo della storia raccontata nei libri precedenti.
Invece non è stato così per gran parte del libro. Lasciando poco spazio alla vera trama di partenza e, a mio parere, principale.
In questo terzo libro troviamo ancora gli Azura, esseri spregevoli e letali conosciuti nei due libri precedenti, ma faremo anche nuove conoscenze, di nuove razze ugualmente spregiudicate e che metteranno in difficoltà i nostri protagonisti.

Lo stile dell'autrice è rimasto quello del secondo libro, diretto e conciso. Che crea una lettura piacevole e leggera, senza troppi intoppi per il lettore.
Purtroppo ho trovato gran parte della lettura troppo veloce, come se l'autrice avesse troppe idee in testa ma poche pagine per metterle su carta e quindi tante cose che secondo me andavano approfondite, sono state lasciate in sospeso. Questo è il punto che maggiormente mi ha dato fastidio. Nel capitolo conclusivo il lettore si aspetta di veder chiarite tante cose lasciate irrisolte nei volumi precedenti, invece questo qui non avviene.

Nonostante ciò, come detto in partenza, ho apprezzato il libro. Sarà forse perché ero già affezionata alla storia e alla protagonista. Insomma l'ho letto volentieri.
Di per sé non consiglierei il libro, ma se avete già iniziato la serie, ormai vi consiglio di leggere anche questo, magari qualcuno potrebbe apprezzarlo più di me.


VOTO:

Voi lo avete letto?
Che ne pensate?






Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...