giovedì 20 febbraio 2014

La Compagnia dei nani

Carissimi lettori di Tolkien, le sorprese non sono ancora finite. Anche io ci tenevo a scrivere qualcosa e, dopo averci pensato a lungo, ho pensato di parlare dei nani.
Spesso non vengono considerati abbastanza e quando spesso si chiede qual è il personaggio preferito, quasi nessuno risponde con: Bofur, Bombur o Gimli. Perché sinceramente i nani non sono poi così belli e simpatici! Però nonostante questo voglio parlare di loro, perché sono fondamentale per le storie del professore e poi senza di loro Bilbo non sarebbe arrivato tanto lontano. Quindi buona lettura...


LA COMPAGNIA DEI NANI




I Nani sono una razza di Arda, il mondo fantastico creato da Tolkien.
All'inizio dei tempi, quando nessuna creatura parlante esisteva: Aulë, uno dei Valar (uno dei così detti Potenza del Mondo), decise di creare di nascosto una razza a cui affidare la sua abilità di fabbro.
Successivamente quando Aulë venne richiamato, perché lui non aveva il compito di creare, ma solo quello di organizzare le cose già esistente, rese i nani:


 « [...] forti e resistenti. Ne consegue che essi sono duri come sasso, testardi, pronti all’amicizia e all’ostilità, e sopportano le fatiche e la fame e il dolore fisico più impavidamente di ogni altro popolo parlante. E vivono a lungo, ben più degli Uomini, non tuttavia per sempre. Un tempo si riteneva, dagli Elfi della Terra di Mezzo, che, morendo, i nani tornassero alla terra e al sasso onde erano fatti; [...] »                                                            J.R.R. Tolkien, Il Silmarillion


Che lingua parlano i nani? Il nanesco o khuzdul
Rimasto invariato dalla sua ideazione, era protetto gelosamente dai Nani, tanto che sembra che nessuno che non fosse un nano potesse parlarlo. I nani tendevano ad utilizzare altre lingue nei rapporti con le altre genti, e ad usare il nanesco solo ed esclusivamente tra di loro. Per un nano, il proprio nome originale in nanesco era uno dei segreti più preziosi e meglio custoditi.


Ma non voglio rovinarvi la lettura di questo libro quindi sorvolo sul continuo. Ma voglio farvi conoscere i singoli nani de "Lo hobbit".

Lungobarbi o popolo di Durin, è il nome dato ad uno dei sette clan dei nani, discendenti diretti del più vecchio dei sette padri dei nani, Durin.
Il popolo di Durin si trasferì a est delle Montagne Nebbiose dove fondò la città di Khazad-dûm poi conosciuta come Moria.



THORIN SCUDODIQUERCIA



Thorin era solo un giovane principe quando il drago Smaug attaccò la regia di Erebor, cacciò via lui e la sua famiglia e sìimpadronì del tesoro. Privo di casa e di mezzi, fu costretto a vagare per la Terra di Mezzo e infine a stabilirsi nelle Montagne Azzurre, a nord-ovest della Contea. Lassù visse lavorando come fabbro, in attesa di riconquistare il trono del Re sotto la Montagna.
Il coraggioso Thorin combatté con grande onore nelle guerre dei nani. Durante la battaglia finale, perse lo scudo, ma afferrando un ramo riuscì a difendersi. Da allora prese il nome di Scudodiquercia e combatté usando il ramo al posto dello scudo.

LA SUA ARMA:

BOFUR  e BOMBUR



Nella Ricerca della Montagna Solitaria, oltre che da Thorin Bilbo è accompagnato da altri 12 nani. Alcuni, come Bofur e suo fratello Bombur, assomigliano più agli hobbit che ai nani e infatti, come Bilbo, passano il tempo a chiedersi da dove arriverà il loro prossimo pasto! Bombur è il principale cuoco della Compagnia e, se lo lasciassero fare, cucinerebbe così tanti pasti da riempire a sazietà lo stomaco di tutti, persino quello di Bilbo. Bofur ha un grande amore per la musica e il canto, proprio come uno hobbit.


BIFUR



Tra i compagni di Bilbo Bifur è forse il più strano di tutti. Porta ancora, piantata nella fronte, un'ascia arrugginita degli orchi: il suo aspetto è sufficiente a far scappare chiunque lo veda, anche a costo di abbandonare la colazione! Comunica con qualche grugnito o muovendo le mani. Diversamente da molti altri nani del gruppo, Bifur non discende da una famiglia nobile, ma da una lunga serie di semplici minatori e fabbri.




DWALIN e BALIN


Balin e suo fratello Dwalin sono due dei più cari amici di Thorin e sono tra i suoi più assidui sostenitori. Balin è saggio e tranquillo, Dwalin è più portato per l'azione. Balin è uno dei più vecchi del gruppo; è un signore dei nani ed è sempre disposto a dare saggi consigli agli amici. Dwalin è votato quanto il fratello alla missione di Thorin ed è un grande guerriero. Di tutta la Compagnia è il meno socievole e non si fida degli estranei, soprattutto se si tratta di elfi.


KILI e FILI


Non tutti i nani della Compagnia sono altrettanto preoccupati del loro stomaco (anche se tutti hanno certamente un sano appetito). Fili e il fratello Kili sono stati allevati dallo zio Thorin e si sono uniti alla Ricerca per aiutarlo a riconquistare l'antica città di Erebor e per scrivere il proprio nome nel libri di storia. Tutt'e due sono abili guerrieri che finora hanno condotto una vita tranquilla (almeno secondo i criteri dei nani!) e sono ansiosi di assaggiare per la prima volta il sapore dell'avventura.



DORI, NORI e ORI

Dori, Nori e Ori sono fratelli. 





Nori ha trascorso gran parte della vita cacciandosi nei guai, per poi fare ricorso alla sua astuzia per cercare di togliersi dagli impicci. In realtà, si è unito alla Ricerca per togliersi da una situazione imbarazzante. Purtroppo, la Ricerca della Montagna Solitaria pare averlo messo in guai superiori a quelli che si è lasciato alle spalle!








Diversamente dai fratelli, Ori ha un temperamento tranquillo e preferisce passare il tempo disegnando e
scrivendo sul suo diario, un po' come Bilbo. In genere si limita ad obbedire agli 
ordini degli altri, ma a volte sorprende tutti per la decisione e il coraggio di fronte al pericolo.















Dori è il più forte del gruppo e passa gran parte del tempo a controllare i fratelli. E' portato per l'abitudine ad aspettarsi sempre il peggio, soprattutto quando c'è di mezzo suo fratello Nori!













GLOIN e OIN


Quando si pensa a un nano, è probabile che venga in mente qualcuno come Gloin. Ha una barba grande e fiera come le sue collere, non tiene certo per sé le sue opinioni, è più portato ad agire che a riflettere ed è uno dei più forti e coraggiosi membri della Compagnia di Thorin.

Il fratello di Gloin, Oin, è il guaritore del gruppo ed è un genio con le pozioni e la medicina. Oin e Gloin non sono parenti di Thorin - sono nani del Nord - ma si sono uniti alla Ricerca per un senso di lealtà nei confronti di tutti i nani in genere. Oin ha anche un'altra ragione per augurarsi il successo della Ricerca: ha investito nella spedizione una grande quantità di denaro!



Io amo Balin, è troppo dolce *___* qual è il vostro preferito? Cosa ne pensate dei nani?






15 commenti:

  1. Io adoro Bofur :3 anche se è difficile sceglierne solo uno tra di loro, ognuno ha quella sua particolarità che lo rende speciale *-* dei nani ho sempre ammirato la caparbietà e la testardaggine, nonostante tutto me li ha sempre fatti apparire simpatici =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siii anche Bofur è troppo dolce :3

      Elimina
  2. Anche a me piace Balin, che tenero *-* Sono simpaticissimi i nani.

    RispondiElimina
  3. Bofur e Bombur mi sono sempre piaciuti, soprattutto perché andavano sempre a finire addosso a Bilbo, erano i più pasticcioni. Quello con la testa sulle spalle mi sembrava Balin, e anche quello più obiettivo verso Bilbo, meno pronto a dargli addosso quando il poveretto non sapeva escogitare soluzioni brillanti per i pasticci che LORO combinavano...:-D

    RispondiElimina
  4. Anch'io preferisco Balin, e mi è piaciuto molto anche nel film :-)

    RispondiElimina
  5. io non ho un mio preferito! ognuno apporta tutto se stesso alla compagnia!
    bellissimo articolo sui nani!

    RispondiElimina
  6. Io sono per Fili&Kili!
    ...puoi immaginare la mia faccia alla fine de Lo Hobbit.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco T.T non posso fare spoiler uffa!! xD

      Elimina
  7. Beh Balin è scontato, è il più saggio e buono. Quindi dico Dwalin, credo sia il più combattivo e tenacie dopo l'ancora più scontato Thorin, che tuttavia non mi piace poi come si comporterà verso la fine, così come il suo sguardo un po' avido ben costruito nella scena finale del secondo film :)

    RispondiElimina
  8. Bell'articolo! Io non ho troppa familiarità con questi nani perché ho letto Lo hobbit 1000 anni fa e devo ancora mettermi in pari con i film. Ma posso lo stesso dire che adoro Gimli capace di farmi ridere e commuovere ogni volta che rivedo Il signore degli anelli... Il cuore enorme che nasconde dietro una facciata burbera è ineguagliabile ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gimli non l'ho inserito, però anche per me è speciale! Fu il primo nano che conobbi e poi era amico di Legolas! :D

      Elimina
  9. Se si parla del film il mio preferito è sicuramente Balin XD Nel libro invece li vedo come una compagnia unita e non posso sceglierne uno tra loro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Balin assomiglia ad un mio prof e forse è pure per questo che mi fa troppa simpatia :3 comunque per quanto riguarda il libro, anche io li vedo tanti uniti e non saprei dire chi è il migliore!

      Elimina
  10. A me piacerbbe tantissimo saper parlare la loro lingua ahahha
    Io non ho visto il film, quindi giudico da libro e dico che mi piacciono come stanno tutti assieme, senza preferenze!

    RispondiElimina
  11. Io, dal libro, adoro l'accoppiata Fili-Kili. Nel film (a parte delusione e incredulità x ciò che si sono inventati) rimangono tra i miei preferiti ma è Thorin quello che mi ha colpito di più.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...