giovedì 20 febbraio 2014

Tolkien e le fiabe

Finalmente potrete leggere il primo articolo di questo evento, scritto dalla carissima Angie Reina del blog Il portale segreto. Reina è una socia dell'associazione tolkieniana italiana e quindi per me è un vero piacere ospitarla e sentirla parlare del professore, a volte ci facciamo delle chiacchierate sulle opere del professore.
Lei oggi ci parla di un genere letterario molto caro a Tolkien...


TOLKIEN E LE FIABE


Spesso sentiamo parlare di fiabe e fantastico come se fossero qualcosa da denigrare, qualcosa di infantile ormai superato che non ha alcun merito letterario o peggio, che non merita la nostra minima attenzione. Molto spesso, da amante del genere, mi sono sentita rivolgere critiche o la classica domanda: “Ma non sono libri per bambini?”.
No, o meglio, non solo. Le fiabe non sono nate come storie per i bambini, ma in origine erano la fonte della conoscenza e ancora oggi hanno un grande valore che purtroppo abbiamo smesso di vedere, presi come siamo da una vita in continua fretta. Ma a cosa servono le fiabe? Sono semplicemente un modo di evadere dalla realtà, di fantasticare e credere nelle fate e nei draghi? Come dice Chesterton Le fiabe non raccontano ai bambini che i draghi esistono. I bambini sanno già che i draghi esistono. Le fiabe raccontano ai bambini che i draghi possono essere sconfitti.” ed è questo il più grande insegnamento che possiamo dargli. Le fiabe infatti erano fondamentali quando non c'erano televisioni e giornali, quando l'unica fonte del sapere erano i racconti degli anziani. Spesso fiabe da ogni parte del mondo, ricalcano gli stessi elementi per cui possiamo capire che ogni personaggio e situazione avevano scopi ben specifici e si trattava di archetipi destinati ad arrivare al nostro subconscio per permetterci di capire meglio la vita e i suoi cambiamenti.
"E’ stato nelle fiabe che, per la prima volta, ho scoperto la potenza delle parole e la meraviglia di cose come la pietra, il legno, il ferro, la casa, il fuoco, il pane e il vino." (Tolkien)
Ogni fase della vita era segnata da un passaggio, cosa che oggi manca. Siamo in balia di un presente che non ci permette di avere punti saldi e percepire il tempo che scorre.
Molti non desiderano leggerlo perché si tratta di storie surreali, dimenticando che il fantastico ha in sé tutto il reale in quanto la migliore fantasia nasce da una profonda conoscenza della realtà, perché “La fantasia è una naturale attività umana, la quale certamente non distrugge e neppure reca offesa alla Ragione, nè smussa l'appetito per la verità scientifica, di cui non ottunde la percezione. Al contrario piu acuta e chiara è la ragione, e migliori fantasie produrrà” (Tolkien)
Quando noi ci accingiamo a leggere una fiaba ci troviamo più livelli di lettura, uno consapevole in cui ci troviamo meravigliati da un mondo fantastico e pieno di magia, un altro che ci emoziona per l'analogia con la nostra realtà e infine un altro che arriva direttamente al cuore senza passare per la mente.
Tolkien teneva molto a legittimare le fiabe e ridargli il loro posto privilegiato nella letteratura, tanto da scriverne un famoso e bellissimo saggio “Sulle fiabe” che ne illustra gli aspetti, l'origine e i significati.
Anche la Società Tolkieniana Italiana, di cui faccio parte da diversi anni, si impegna molto su questo campo nella speranza di far conoscere il mondo di Tolkien perché la lettura delle sue opere è un'esperienza unica che non può essere rilegata a una nicchia. Il nostro impegno come soci è di far conoscere questo autore per annullare i pregiudizi e dargli il giusto valore che in Italia non ha mai goduto di grande fama dalle persone che al contrario avrebbero dovuto leggerlo, comprenderlo e apprezzarlo. Attraverso studi, incontri, conferenze, pubblicazioni e manifestazioni, promuoviamo l'amore per la letteratura, per il fantastico e per il mito perché chiunque si accinge e leggere le opere del Professore, entra in un mondo unico e meraviglioso di cui non potrà più fare a meno.
"Desideravo draghi con tutto il mio cuore; naturalmente, peritoso com’ero, non mi auguravo di trovarmeli nei dintorni. Ma il mondo che comprendeva un Fàfnir, sia pure soltanto immaginario, era più ricco e più bello, per quanto pericoloso fosse." (Tolkien)
J.R.R. Tolkien ha il dono del subcreatore, il suo mondo è così ben costruito che non possiamo che sentirlo reale e vivo. La finzione è presto svanita e noi possiamo compiere un percorso personale, educativo, spirituale e culturale attraverso le avventure vissute con i personaggi delle sue storie. Una volta finito un suo libro, rinasciamo arricchiti di una luce nuova, come se avessimo ritrovato la fonte del nostro io più profondo. Non è solo una lettura, ma magia che prende corpo e noi siamo ombre che trovano il loro posto nel libro.
La caratteristica peculiare della "gioia" in un riuscito lavoro di fantasia può essere designata quale un improvviso balenare della realtà o verità sottesa. Non si tratta soltanto di "consolazione" per i mali di questo mondo, bensì di soddisfazione, di una risposta alla famosa domanda: "è vero?" La risposta che ho dato ad essa poc'anzi è stata (e con piena legittimità): "Se avete costruito bene il vostro piccolo mondo, sì. E' vero in quel mondo.” (Tolkien)

La fiaba può insegnare molto e donare molto ed è un dono dei saggi da donare ai bambini, ma non come loro esclusiva perché il suo fascino è eterno e universale.
"Una delle lezioni delle fiabe (sempre che si possa parlare di lezioni a proposito di qualcosa che non monta in cattedra) è che il pericolo, il dolore e l’ombra della morte possono impartire dignità, a volte addirittura saggezza, a giovani inesperti, infingardi ed egoisti." (Tolkien)



Voi cosa pensate delle fiabe? Siete d'accordo con Reina?

16 commenti:

  1. Articolo fantastico. Complimenti!

    RispondiElimina
  2. Bellissimo articolo davvero! Sono assolutamente d'accordo sull'importanza delle fiabe e della fantasia. Le fiabe che mi raccontavano da bambina sono racchiuse in un posticino speciale del mio cuore perché sono le prime storie che mi hanno insegnato che il mondo in cui viviamo non è limitato solo a ciò che possiamo vedere. Ultimamente non faccio che vedere la nascita di rivisitazioni delle favole più famose (Cenerentola, La bella e la bestia, Biancaneve e via di seguito) e non posso evitare di pensare che sia un modo per cercare di non farle morire. Si tenta di renderle più attuali per adeguarle ai tempi che corrono, ma alla fine quello che conta è il punto di partenza... Quelle storie che magari oggi tanti genitori non raccontano più ai proprio bambini ma che resteranno immortali. Secondo voi dico una stupidaggine?
    Cmq tanti complimenti a Reina ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che ti sia piaciuto! Credo che le fiabe siano fondamentali per la crescita, peccato che oggi stiamo perdendo questa importante fonte di sapere. Non riesco a immaginare un mondo senza fiabe!

      Elimina
  3. Reina stupendo!!!!! oltre la completezza dei contenuti mi hai davvero emozionata!!!!! e lunedì sarò dei vostri! tra ieri e oggi mi hai davvero convinta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh davvero? *_____* Che bellissima cosa mi hai detto! Spero che traspaia il mio amore per Tolkien ^^ Non vedo l'ora di averti tra noi come nuova Uruk XD Mae Govannen :D

      Elimina
  4. Quanta saggezza Tolkien. E' proprio vero, le favole sono qualcosa di fantastico, emozionano e sopratutto insegnano, rivelano messaggi di vita molto importanti. Magari anche gli adulti leggessero fiabe, magari ci sarebbero meno guerre e odio tra gli uomini :D L'uomo ha perso la magia di essere bambino, ha dimenticato cosa significhi sognare e vivere la vita appieno godendo di ogni sfumatura. Bellissimo inizio con qesto articolo, complimenti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, hai perfettamente ragione... Purtroppo si è dimenticata l'importanza delle fiabe, siamo anime allo sbando senza punti fermi e senza speranza. Per fortuna c'è ancora qualcuno che si batte per valorizzarle :) Io continuo ad amare le fiabe come se fossi ancora bambina :D

      Elimina
  5. Bell'articolo! Tolkien considerava le fiabe fondamentali e le leggeva/scriveva spesso anche per i figli. A questo proposito ho trovato molto interessanti alcune note de "Lo Hobbit annotato".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustissimo! E aveva ragione, Tolkien è un grande scrittore e una persona speciale oltre che molto colta.

      Elimina
  6. Reina, quest'articolo è meravigliosissimo! *-*
    Sarebbe quasi ora che la società rivalutasse le fiabe. E che, soprattutto, i genitori riprendano a leggerle ai propri bambini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, ma purtroppo spesso sono proprio coloro che dovrebbero occuparsi dell'educazione a dimenticarsi la loro importanza. Ci tengo particolarmente a questo argomento e spero di riuscire a trasmettere questi valori a mio nipote :) Sono felice che ti sia piaciuto l'articolo :D

      Elimina
  7. A me le fiabe piacciono tantissimo!
    Bell'articolo Reina!

    RispondiElimina
  8. Bellissimo emozionante articolo!
    Penso che le fiabe siano uno strumento fondamentale di conoscenza e di crescita. È triste che oggi non venga più riconosciuta la loro importanza e la grande saggezza che possono trasmettere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sono felice che ti abbia emozionata! Condivido il tuo dispiacere per la perdita del valore delle fiabe :( Speriamo che ritrovino il loro posto...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...