venerdì 21 febbraio 2014

TURIN,BILBO E FRODO....3 EROI COMPLETAMENTE DIVERSI FRA DI LORO

Buongiorno a tutti ^^ spero che gli articoli di ieri vi siano piaciuti! Oggi iniziamo presto con un altro articolo, di pomeriggio potrete partecipare al primo giveaway.
Intanto, vi faccio leggere questo fantastico articolo di Laura Luthien, che ho conosciuto proprio per questo evento e per me è una persona fantastica. Lei è una degli amministratori della pagina Facebook Il secondo mondo di Tolkien - La Terra di Mezzo



TURIN, BILBO E FRODO

Turin figlio di Hurin e di Morwen nasce in una Terra di Mezzo devastata da Morgoth e dalle sue terribili armate. Hurin, è stato catturato e su di lui e la sua famiglia scende la maledizione dell’Oscuro Signore.
Ma Túrin rifiuta di essere abbattuto da Morgoth e nel corso della sua vita dà inizio alla leggenda di un eroe mortale che unirà a sé una banda di fuorilegge e gradualmente inizierà una guerra personale contro la supremazia di Morgoth sul Beleriand.
Allora Melkor rivelerà la sua arma peggiore, Glaurung , il primo dei Draghi, che verrà sconfitto proprio dal nostro Eroe!
Turin durante la sua vita dovrà affrontare mille peripezie, ignaro della maledizione che l’Oscuro Signore ha fatto cadere su di lui e aggredirà le difficoltà con grandissimo senso di orgoglio personale , onore e coraggio.
Non si abbatterà mai nonostante le dure prove che si svilupperanno nel suo cammino: come la morte del suo più caro amico, Beleg Arcoforte (per mano sua involontariamente) e riuscirà a essere finalmente Padrone del Proprio destino.
Con Turin abbiamo un uomo che non ha paura di niente e che sa cambiare le sorti della propria vita, un uomo sfortunato e mai libero di vivere con leggerezza e allegria che ,nonostante tutto, è fiero della sua anima combattiva e perseverante.
La sua esistenza sarà un climax ascendente di sfortune che avranno fine solo con il suo suicidio. Quì di seguito è riportata una delle massime che racchiude in sè tutta la tragicità della sua storia:


«Nienòr guardando Turin gridò: "Addio due volte amato!
A Túrin Turambar turún' ambartanen: dominatore della sorte dominato dalla sorte! Felice tu che sei morto!»



Bilbo è uno hobbit della Contea ,zio di Frodo Baggins, nonché uno fra i possessori dell'Anello del potere, prezioso manufatto creato da Sauron che Bilbo trova all'interno della caverna di Gollum.
La cerca di Erebor ( nei Racconti incompiuti), racconto in prima persona di Gandalf ai fatti accaduti nella prima parte de Lo Hobbit , descrive Bilbo come un giovane strano e appassionato per le avventure .
All’inizio del Lo Hobbit però troviamo un Bilbo totalmente diverso: avaro, goffo senza più le aspirazioni di una volta.
Come lo descrive Tolkien a questo punto?.
Come un tipo sedentario a cui piace dormire, fumare la pipa e fare anelli di fumo, esattamente come ad ogni altro membro della sua specie.
Man mano che uno si addentra nel Lo Hobbit, non può non notare come Bilbo si evolvi in un personaggio dal carattere molto più forte e determinato ,intelligente e astuto al punto tale da diventare quasi il consigliere, del suo gruppo di avventure, in molte occasioni.
Nel finale del romanzo si assiste alla definitiva trasformazione del personaggio: dopo il viaggio Bilbo diventa una persona stravagante e consapevole delle proprie forze.
Ecco a voi un estratto del Lo Hobbit in cui si denoti quanto il nostro piccolo eroe sia diventato prezioso per la compagnia:


« In te c’è più di quanto tu non sappia, figlio dell’Occidente cortese. Coraggio e saggezza, in giusta misura mischiati. Se un maggior numero di noi stimasse cibo, allegria e canzoni al di sopra dei tesori d’oro, questo sarebbe un mondo più lieto. » (Thorin Scudodiquercia a Bilbo Baggins in Lo Hobbit, pag. 353)




Frodo Baggins è uno dei protagonisti de Il Signore degli Anelli , nipote di Bilbo da cui sarà adottato dopo la perdita di ambedue i genitori.
Con l’Anello del potere si reca a Gran Burrone ,dove entra a far parte della Compagnia dell'Anello, insieme al suo fidato giardiniere Sam, con il compito di distruggere l’Anello.
Egli sarà supportato in questa impresa da altri otto compagni di viaggio.
Fin da bambino aveva sempre ascoltato i racconti di suo zio Bilbo riguardanti le sue avventure al di fuori della Contea.
Elfi, draghi e cavalieri.
Quelle avventure lo intrigavano molto e pensava che anche lui un giorno avrebbe vissuto quelle esperienze.
O almeno così pensava che fosse il suo viaggio, invece la sua avventura in realtà si rivelerà assai diversa da come egli immaginava .
Umile , tenero e sensibile avrà il coraggio di portare l’Anello sino a Mordor con uno spirito di sacrificio che non avrà eguali.
Come con Bilbo anche con Frodo l’Anello attuerà un profondo controllo; il carattere di Frodo diventerà sempre più cupo e aggressivo a tal punto da dimenticare la sua beata Contea con tutti i suoi profumi ,colori e sapori.


« Come fai a raccogliere le fila di una vecchia vita? Come fai ad andare avanti quando nel tuo cuore cominci a capire che non si torna indietro? Ci sono cose che il tempo non può accomodare, ferite talmente profonde che lasciano un segno. »
(Frodo in Il Signore degli Anelli - Il ritorno del Re)


Quì si può vedere quanto una grande esperienza cambi l’animo delle persone e quanto gli avvenimenti ti segnino profondamente così tanto da non poter tornare indietro.
Infatti Frodo andrà via dalla Terra di Mezzo e in compagnia di Bilbo e di altri amici salperà con una nave dai Porti Grigi , con rotta verso Valinor, dove spererà di trovare la giusta pace che egli merita.

Ho voluto con questo articolo mostrarvi brevemente quanto la figura dell’eroe in Tolkien possa assumere caratteristiche diverse, si passa infatti da un eroe tragico come Turin, a un Bilbo astuto e intelligente per poi finire con Frodo e il suo immenso spirito di abnegazione e la sua grande bontà.



Vorrei ringraziare dal profondo del mio cuore Christy Unbuonlibrononfiniscemai per avermi invitata per questo progetto, è stupendo poter realizzare qualcosa di personale partendo dalle opere di Tolkien ed è bellissimo fare gruppo con altri ragazzi!!!! Un bacione e un abbraccio a tutti! Grazie per l’attenzione!

 Laura Luthien


Voi chi preferite tra i tre eroi?






16 commenti:

  1. Complimenti per l'articolo, davvero molto bello *_*
    Premetto che sono una frana quando si tratta di scegliere, riesco a trovare qualcosa in ogni opzione che mi farebbe scegliere tutto <.<
    Dopo mezz'ora passata, ancora non so chi scegliere, Turin mi ha colpito per la sua perseveranza e la ricerca di poter essere padrone del suo destino, nonostante tutte le difficoltà che incontra. Bilbo l'ho riscoperto da poco, mi piace la sua umanità, la paura iniziale nell'affrontare un'avventura che lo blocca, la curiosità che poi vince, il coraggio e anche l'amicizia verso i suoi compagni, per i quali è pronto a lottare, anche se conosce da poco. Frodo è ammirevole per la determinazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio per i complimenti! premetto che non scrivevo da tempo immemore e devo dire che questa esperienza per me voglio che diventi un punto di partenza per riniziare a stendere qualcosa su carta!
      per quanto riguarda quello che penso io tutti e 3 sono speciali...come te non riesco a scegliere un personaggio tra questi appena descritti.
      Tolkien ha dato vita a delle figure a 360 gradi! non bassorilievi anzi ha scolpito delle statue che assumono caratteristiche diverse a ogni angolazione!

      grazie ancora Briciole Colorate e mi raccomando seguici sino a domenica!

      Elimina
  2. Bellissimo e interessante articolo! L'argomento dell'eroe in Tolkien è molto vasto vario e complesso, quindi hai scelto un ottimo argomento riuscendo in breve a dare un inizio dell'importanza dell'eroismo nelle sue opere con le sue diverse sfaccettature :) E a proposito di eroismo, purtroppo una delle più grandi pecche del film de lo hobbit è stato proprio snaturare l'eroismo comune, spontaneo e unico di Bilbo :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo con te ampiamente...hanno sicuramente fatto risaltare il Bilbo divertente e ingenuo ma non ho colto le sfumature che si hanno in lui durante il progredire delle vicende...in lui si ha una completa trasformazione e secondo me hanno reso il personaggio un pochino piatto...aspetterò in ogni caso l'ultimo capitolo per farmi delle idee più complete.
      Trovo azzeccata la scelta di Martin Freeman.

      Grazie Angie! da oggi in poi mi sa che tornerò a farmi trasportare nel vortice della scrittura!
      E' catartico!

      un saluto grande!

      Elimina
  3. Tra i tre, preferisco Frodo. Per quanto Bilbo mi piacesse, ne Lo Hobbit, per il fatto di essere così pieno di risorse quasi a sua insaputa, Frodo mi ha catturato di più perché è quello che rischia il tutto per tutto con l'Anello. Si fa quasi mangiare vivo dal gioiello, e riesce a uscirne, grazie a Sam e alla sua lealtà incrollabile e invincibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie del commento ! Frodo credo che sia uno dei personaggi meglio riusciti di tutto l'universo Tolkien..non che gli altri siano stati realizzati in modo errato..,ma lui ha un fascino unico!

      Elimina
  4. Io tra i tre preferisco assolutamente Bilbo! E' uno dei miei personaggi preferiti in assoluto nel mondo del cinema (e della letteratura ovviamente) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Bilbo mi piace la sua spontaneità e la sua mega intelligenza!
      bisogna ringraziare anche lui se Frodo avrà tanto coraggio nell'intraprendere questo cammino!




























      Elimina
  5. Bella questa presentazione-articolo, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero che , se non avessi già letto qualcosa, io ti abbia incuriosita su questi personaggi!
      fammi sapere!

      Elimina
  6. Complimenti Laura per l'articolo! Certo ti sei scelta un tema complicato. Gli eroi fi Tolkien sono così diversi e pieni di sfaccettature che non è semplice presentarli a chi magari ancora non li ha "incontrati".
    Domanda difficile la tua. Amo la tragica determinazione di Turin. Adoro la spontaneità di Bilbo e ol suo essere quasi sorpreso delle sue qualità e del suo eroismo. La crescita interiore del suo personaggio è un escalation fantastica! Ma Frodo...non so spiegare perché ma ho per lui un amore speciale. Forse perché ho sentito tanti denigrarlo e dire che non aveva dato nessun concreto contributo per la distruzione dell'anello. Invece credo che sia davvero immensa la sua abnegazione all'impresa tanto da sopportare il continuo potere dell'anello (che sentendo il richiamo del suo signore si fa sempre più forte) per tutta la durata dell'impresa, cedendo solo alla fine. Ed è così alto il prezzo che ha pagato per la sua avventura!!!

    RispondiElimina
  7. Immaginavo quale sarebbe stata la tua risposta! molte volte fra di noi abbiamo parlato di Padron Frodo...e penso che tu abbia colto la sua vera essenza...penso che in molti lo snobbino..e hai ragione a pensare che nessuno può denigrarlo.
    Frodo credo , come ho risposto poc'anzi, che lui sia uno dei personaggi meglio riusciti in Arda e che simboleggi al meglio i valori dell'universo Tolkieniano.

    grazie ancora Barbara!

    RispondiElimina
  8. Grazie a te. Eh sì, sospettavo che la mia scelta non sarebbe stata una sorpresa per te. Complimenti ancora.
    Quanto mi stanno piacendo questi articoli!!! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con un campo fertile come questo mondo non possono non nascere pensieri belli e costruttivi!
      Tolkien è una grande fonte di ispirazione!

      Elimina
  9. Sono in ritardo ma non troppo :) Ora vado a recuperare tutte le altre tappe. Il mio personaggio preferito è Frodo, l'ho adorato, anche se c'è un altro personaggio che mi è piaciuto molto e che non è stato citato tra questi tre. Sam *-* con la forza della sua amicizia è riuscito a portare Frodo sulla retta via nei momenti più bui. L'ho adorato =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho voluto parlare di un personaggio di ogni opera principale :
      Turin per il Silmarillion
      Bilbo per Lo Hobbit
      Frodo per Il Signore degli Anelli!

      su Sam sono completamente d'accordo con te!

      ti voglio dedicare questo dialogo:

      Sam: "È come nelle grandi storie, padron Frodo, quelle che contano davvero, erano piene di oscurità e pericolo, e a volte non volevi sapere il finale, perchè come poteva esserci un finale allegro, come poteva il mondo tornare com'era dopo che erano successe tante cose brutte, ma alla fine è solo una cosa passeggera, quest'ombra, anche l'oscurità deve passare, arriverà un nuovo giorno, e quando il sole splenderà sarà ancora più luminoso, quelle erano le storie che ti restavano dentro, anche se eri troppo piccolo per capire il perchè, ma credo, padron Frodo, di capire ora, adesso so, la persone di quelle storie avevano molte occasioni di tornare indietro e non l'hanno fatto... andavano avanti, perchè loro erano aggrappati a qualcosa."
      Frodo: "Noi a cosa siamo agrappati Sam?"
      Sam: "C'è del buono in questo mondo, padron Frodo... è giusto combattere per questo!"

      a presto Simona e grazie per il tuo commento!

      Elimina



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...