mercoledì 8 giugno 2016

Big books: La sfida di ogni lettore

Salve carissimi lettori, come procedono le vostre letture? Io ho ricominciato dopo l'inizio della sessione estiva che mi costringe a leggere gran poco...speriamo io riesca a recuperare questa estate! Ad ogni modo, oggi volevo proporvi una lista (mi sono limitato per non annoiarvi) di libri che vorrei leggere prima o poi e che ho deciso di chiamare "big books" per la loro lunghezza che potrebbe atterrire o far rinunciare qualcuno nell'impresa. Ma sono mattoncini indispensabili, a mio parere, e quindi forza e coraggio, aspettano soltanto di essere letti.

Guerra e pace


Sette anni occorsero a Tolstoj (dal 1863 al 1869) per comporre uno dei capolavori della letteratura ottocentesca. L'ossatura del romanzo, sullo sfondo delle guerre napoleoniche - dal 1805 alla travolgente insurrezione di tutto il popolo russo nel 1812 - è data dalle vicende di due grandi famiglie dell'alta nobiltà, i Rostov e i Bolkonskij, depositari dei valori autentici e genuini, intrecciate a quelle dei corrotti e dissoluti Kuragin. Spiccano, nella moltitudine di personaggi, le figure di Natasa, fanciulla e poi donna di straordinaria purezza e d'indole forte e impetuosa; del principe Andrei, che porta il suo orgoglio nella guerra, nella prigionia e nell'infelice amore per Natasa; dell'enigmatico e complesso Pierre Bezuchov, capace di autentica adesione al «dolore del mondo».


Il signore degli anelli


"Il Signore degli anelli" è un romanzo d'eccezione, al di fuori del tempo. E' un libro d'avventure in luoghi remoti e terribili, episodi di inesauribile allegria, segreti paurosi che si svelano a poco a poco, draghi crudeli e alberi che camminano, città d'argento e di diamante poco lontane da necropoli tenebrose in cui dimorano esseri che spaventano solo al nominarli, urti giganteschi di eserciti luminosi e oscuri. Tutto questo in un mondo immaginario ma ricostruito con cura meticolosa, e in effetti assolutamente verosimile, perché dietro i suoi simboli si nasconde una realtà che dura oltre e malgrado la storia: la lotta, senza tregua, fra il bene e il male.



I miserabili

In questo grande romanzo, tra i più importanti della letteratura francese, Victor Hugo riversa gran parte della sua esperienza umana e sociale, per costruire una storia di fatica, esilio, amore e povertà. Un'epopea della miseria e un imponente affresco d'epoca che, nella Parigi dell'800, vede protagonisti alcuni indimenticabili personaggi, come Jean Valjean, la solare Cosette, Fantine, il cupo ispettore Javert: anti-eroi ricchi di luci e ombre, capaci di gesti scellerati ma anche di azioni generose e commoventi. Una storia dal ritmo incalzante, magistrale e irripetibile per l'autenticità delle emozioni e per la complessità della trama narrativa.




Midllemarch

Pubblicato a puntate tra il 1871 e il 1872, "Middlemarch" è, nel variegato paesaggio del romanzo inglese di fine Ottocento, tra i punti più alti mai raggiunti in termini di capacità di rappresentazione della complessità delle psicologie e di attenzione quasi d'ordine sociologico all'ambiente sociale (il sottotitolo, "Studi di vita in provincia", definisce da subito il contesto). Al centro della storia è proprio l'immaginaria cittadina inglese di Middlemarch, all'interno della quale si articolano i destini di quattro personaggi e di due matrimoni infelici, indagati da George Eliot nei loro più impercettibili interstizi attraverso lo strumento chirurgico di uno stile espressivo sempre acuminato. Il romanzo che permette di comprendere la solidissima fragilità dell'Inghilterra vittoriana.


I fratelli Karamazov

Unanimemente considerata tra le opere più alte della letteratura russa e di tutto l'Ottocento europeo, "I fratelli Karamazov" è l'ultima fatica di Dostoevskij. Pubblicato in parte, tra il 1879 e il 1880, sul "Messaggero Russo", vide la luce nella sua forma integrale nel 1880. Al centro della narrazione le vicende della famiglia Karamazov, padre e quattro figli, di cui uno illegittimo e tre nati da madri diverse, tutte precocemente scomparse. Aleksej, Dmitrij, Ivan e Smerdjakov si muovono circondati da un teatro di personaggi altrettanto cruciali e determinanti, non solo ai fini della narrazione ma anche ai fini del perfetto equilibrio su cui l'architettura del romanzo è costruita. È la storia di un parricidio, è la storia di una schiera di anime alla ricerca della verità e di una salvezza possibile, tutta spirituale, che l'autore cuce addosso al suo Aleksej, illuminandolo sin dalle primissime pagine di una luce forte e ostinata, che è propria solo degli "eroi". 


Alla ricerca del tempo perduto

"Parigi, 1906. Un uomo decide di impegnarsi in un'impresa folle: la ricerca del "tempo perduto". Il risultato non sarà una seconda vita ma un libro, in sette volumi, intitolato appunto "alla ricerca del tempo perduto". Marcel Proust si congeda anzitempo dalla vita per riabbracciarla tutta intera in un grandioso romanzo. Una tattica suicida, direte voi. Sì, gli scrittori sono un club di suicidi, ma la vita è quella scemenza in cui tutto il mondo perduto della giovinezza, a volte, può riemergere d'un tratto nel sapore di un biscottino inzuppato nel tè. E allora, un romanzo, solo un grande romanzo può raddrizzare questo "perpetuo errore che è esattamente la via"."



Il conte di Montecristo

L'appassionante vicenda di Edmond Dantès che, ingiustamente condannato e imprigionato, riesce a vendicarsi dei suoi nemici grazie al tesoro dell'abate Faria, conserva ancora oggi inalterato tutto il suo fascino, continuando a ispirare riduzioni cinematografiche e televisive. Pubblicato per la prima volta en feuilleton sul "journal des Débats" nel 1844, dopo il clamoroso successo dei "Misteri di Parigi" di Eugène Sue, "II conte di Montecristo" seppe conquistare, fin dalle prime puntate, migliaia e migliaia di lettori, facendo diventare di colpo Edmond Dantes uno dei "supereroi" più amati dalla fantasia popolare e Alexandre Dumas uno degli scrittori più letti, non solo in Francia. Straordinario manipolatore di intrecci, Dumas costruisce con estrema abilità una vicenda ricca di imprevisti e di colpi di scena; spaziando dalle cupe segrete del Castello d'If alle catacombe romane, dalla Parigi del grand monde all'Oriente, dipinge un fedele ritratto della società della Restaurazione dominati dal potere del denaro, con un'efficacia degna di Balzac.




Ne avete letto qualcuno? In quanto tempo?
Siete riusciti a finirlo?

8 commenti:

  1. Ho letto I miserabili in due settimane circa, confesso che alcune parti erano tanto lente ma nel complesso è stata una lettura interessante e per alcuni versi recentissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che è uno dei libri che mi ha sempre chiamato!

      Elimina
  2. Io ho letto Il conte di Montecristo in poco più di una settimana, scorre via che è una meraviglia e mi è piaciuto moltissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci proverò anche io prima o poi >.<

      Elimina
  3. Io di questi ho letto i Miserabili e ci ho messo un annetto circa, perché lo intervallavo ad altre letture.. Ho terminato invece il signore degli anelli in un paio di mesi, l'estate scorsa (in realtà era una rilettura: mi ero avvicinata a questo romanzo ai tempi delle medie),. Comunque non farti spaventare dalla mole, vale davvero la pena! Di Tolstoj non ho letto Guerra e Pace, bensì Anna Karenina lo scorso anno e anche questo mi era piaciuto moltissimo!

    RispondiElimina
  4. Tra questi che ho elencato io ho letto solo Il signore degli anelli...una sacco di volte. Ti consiglio di leggerlo perchè è veramente fantastico.
    Il mio big book che vorrei leggere è in realtà una saga: Le cronache del ghiaccio e del fuoco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inizialo ti prego ** Io sto al nono libro (in base alla suddivisione in tascabili che hanno fatto qui in Italia)!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...