domenica 1 dicembre 2013

Il calendario dell'avvento: Giveaway + intervista - La regina delle spade di seta di Luca Azzolini

Buongiorno a tutti carissimi lettori. Oggi, come vi avevamo già anticipato, inizieremo ad aprire le caselle del nostro Calendario dell'Avvento.
Quindi iniziamo subito, apriamo la prima casella...

*rullo di tamburi*



Sotto la prima casella abbiamo trovato un giveaway =P giusto per iniziare bene questo evento. In palio una copia di un libro edito Reverdito, scritto da un autore che in molti conoscerete... Luca Azzolini!

LA REGINA DELLE SPADE DI SETA

AUTORE: Luca Azzolini
EDITORE: Reverdito
PAGINE: 352
PREZZO: 12,00




È solo una bambina quando Shammuramat varca la soglia del Tempio di Ishtar. È la prima volta che mette piede in quel luogo sacro, e ancora non sa che da quel luogo non se ne andrà mai più. Sua madre la abbandona, vendendola come merce avariata per pochi "sila" di rame. Shammuramat non ha altra scelta: crescerà al tempio come un'ancella votata alla dea, istruita per diventare un giorno sacerdotessa, imparando a conoscere l'amore, il dolore e la delusione in un mondo di sole donne. In questo luogo fuori dal tempo, avvolto dal profumo d'incenso e dai canti alla dea, apprende l'arte della seduzione, del canto e della danza; ma anche il sapersi difendere con la spada. Perché il cuore di una giovane donna deve essere forte come una spada avvolta nella seta... E Shammuramat cresce, sempre più forte e risoluta, diventando una giovane donna dall'animo ribelle. Saranno proprio gli intrighi intessuti dalle sacerdotesse del Tempio di Ishtar a decretare il suo destino, trascinandola in un conflitto che rischia di distruggere il Regno di Assur, mettendola su un trono che non ha mai voluto, e per il quale può perdere tutto: persino il suo cuore...


COME PARTECIPARE?
Le regole le potete trovare nel post introduttivo: qui. Se volete partecipare oltre alle regole generali, dovete commentare questo post dicendoci perché vorreste questo libro e lasciando la vostra email. 
Il vincitore sarà scelto con il sito random.org

Il giveaway scade alla fine di tutto l'evento, dopo il 24 Dicembre, non abbiamo una data precisa. 

Vi lasciamo con un'intervista, buona lettura!!



1- Nel 2013, cosa significa fare lo scrittore? Pensi ci sia qualche differenza rispetto al passato?
La sostanza del fare lo scrittore nel 2013 non è cambiata rispetto al passato. Servono la stessa dedizione, la stessa costanza e lo stesso metodo di un tempo. Si deve voler scrivere sopra ogni altra cosa, senza lasciarsi demoralizzare dai “no” che puntualmente arrivano. Arrivavano ieri. Arrivano oggi. Arriveranno domani. Ciò che cambia è il rapporto che ha oggi lo scrittore con i lettori, con i nuovi media e con gli strumenti tecnologici che fioriscono senza sosta, ma l’atto dello scrivere rimane quello. La differenza è che oggi, paradossalmente, è più facile pubblicare. Basta un click e sei già su tutte le principali piattaforme con e-book autoprodotti, e storie presentate ai lettori (spesso) per il gusto di dire “io scrivo” o “io ho pubblicato”. Questo per certi versi è un vero peccato, oltre che uno spreco di talenti interessanti. Ho visto numerose autrici e autori di qualità che, per la foga di vedere il proprio nome su una copertina, hanno bruciato idee fantastiche e storie intriganti. È un peccato. Serve tempo. Il tempo giusto perché tutto si svolga in modo naturale, non forzato. È una cosa che ho imparato negli anni, a suon di “no”.


2 - Nell'ambito dell'editoria hai riscontrato problemi e difficoltà? Cosa pensi del quadro generale dell'editoria italiana?
Ho iniziato a pubblicare racconti a diciassette anni, il primo romanzo a venticinque, e a trenta posso dire di aver visto un po’ di tutto in questo mondo colorato che è l’editoria italiana. L’editoria italiana è fatta, nella maggior parte dei casi, di persone competenti ai quali va riconosciuto l’impegno di proporre tutti i giorni libri in un paese che non legge più. I problemi ci sono, e spesso sono lo specchio del paese in cui viviamo, ma per fortuna ci sono anche molti editori che fanno il loro lavoro in modo onesto, per passione, e non solo per interesse. Ovviamente la parte più dura è emergere e arrivare a farsi leggere. Come ho detto sopra, ci vuole tempo. Ogni “no”, per quanto amaro, fa crescere e cambiare. Ti rafforza. Marion Zimmer Bradley, l’autrice che più di ogni altro scrittore mi ha spinto verso questa passione, diceva che serve la pelle di un rinoceronte per sopportare i “no” degli editori e degli addetti ai lavori. Quella scorza, però, non deve indurire l’animo di chi scrive perché è da lì che arriva la scrittura, quella vera e con la S maiuscola.

3 - Se potessi essere uno scrittore del passato, quale personalità vorresti incarnare?
L’ho già anticipato: Marion Zimmer Bradley, di sicuro. E non tanto per incarnarmi in una grassa signora bionda piena di acciacchi… :) …quanto per capire cosa deve aver provato in quell’attimo in cui ha immaginato la serie di Darkover. Una serie di romanzi cui devo proprio tanto, e che ancora oggi trovo insuperabile.

4 - Parlaci della tua ultima pubblicazione. Cosa devono aspettarsi i lettori?
La regina delle spade di seta (Reverdito, novembre 2013) è un romanzo storico al quale ho lavorato per sette anni. Si tratta di una storia per adulti, un romanzo che racconta l’infanzia e l’adolescenza della mitica regina assira Shammuramat. Una donna che ha saputo comandare come un uomo, che ha governato le Terre di Assur in vece del figlio fino alla sua maggiore età, e che in seguito spodestata e dimenticata. Una donna odiata dai pensatori medievali per tutto ciò che incarnava: potere, sapienza, e libertà sessuale. Era una donna molto moderna, capace di scegliere per se stessa, senza doversi piegare davanti a niente e nessuno. Volevo raccontare una storia molto diversa rispetto a quelle che ho scritto negli ultimi anni. Amo molto i romanzi storici, sono laureato in storia dell’arte, e sentivo il bisogno di cercare una storia che fosse mia e soltanto mia. Una storia sentita, viscerale e vera. Lo dico anche nei ringraziamenti, La regina delle spade di seta mi ha accompagnato dal 2006 al 2013, e ha visto come sono cambiato in tutti questi anni.

5 - Tra la prima pubblicazione e questa pensi che qualcosa in te sia cambiato?
Sì, senza ombra di dubbio. La regina delle spade di seta lo considero il romanzo del passaggio (non quello di arrivo, però). Lì dentro si vede come sono cambiato in tutti questi anni. Dal primo romanzo a quest’ultimo, sono successi un sacco di fatti che per forza di cose hanno inciso su me, e per riflesso sulla mia scrittura. Prima di ogni altra cosa la vita di tutti i giorni: esperienze, momenti, incontri, persone che ho amato, persone che ho perduto. Io incanalo tutto in ciò che scrivo. Ciò che vivo finisce nero su bianco, più o meno sfumato dalle esigenze narrative. A seguire mi ha cambiato anche il lavoro con gli editor, i direttori editoriali e le case editrici. Questo fa crescere tanto, si acquisisce consapevolezza e anche la scrittura cambia aspetto. Trovi gli strumenti più adatti, lavori su te stesso, ricevi consigli, e tutto diventa più personale e, quindi, più vero.

6 - Hai dei progetti futuri? 
Sì, ho diversi progetti e li sto scrivendo proprio in questi giorni. Sto lavorando a una serie di romanzi fantasy, e ho già scritto un romanzo per ragazzi dedicato allo sport, entrambi in uscita con Piemme tra 2014 e 2015. Oltre a questi libri, mi sto dedicando anche ad altri progetti cui tengo molto.


Grazie a voi, e un saluto a tutti!  





18 commenti:

  1. ho seguito le regole nel post d'iscrizione! e fatto anche le condivisioni su g+, fb e twitter!
    bellissima intervista su un libro che non conoscevo! curiosa la trama e davvero affascinante la copertina! il vostro blog è davvero molto interessante, scova sempre autori o libri che mi sono persa e che non conosco! partecipo vorrei svelare la bravura dell'autore! fraghi88@alice.it

    RispondiElimina
  2. Questo libro m'ispira profondamente, non so perchè. Forse la trama, forse la magnifica copertina.
    Bell'intervista comunque
    isegretidiungoodreader@gmail.com

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Trovo la trama di questo romanzo davvero avvincente! Quando poi ho letto nell'intervista che l'autore ama Marion Zimmer Bradley, ho pensato:devo leggerlo!Ho sempre amato le storie di donne forti e volitive!
    Per questo ho deciso di partecipare!
    manulele15912@gmail.com

    RispondiElimina
  5. Bella la trama, una storia di crescita e cambiamento, di forza e grande volontà. Voglio partecipare con gioia, e questa e' la mia mail:

    aleboss81@yahoo.it

    RispondiElimina
  6. Il titolo di questo libro mi piace moltissimo. E il fatto che è ambientato nel Tempio di Ishtar, una delle dee più misteriose e affascinanti dei vari pantheon creati dagli esseri umani, ancora di più.
    Il mio indirizzo e-mail: logasparri@gmail.com

    RispondiElimina
  7. Non partecipo, ma volevo comunque fare i complimenti per l'intervista!

    RispondiElimina
  8. Partecipo assolutamente, il libro sembra davvero bello! Sono follower del blog con il nome di Valentina Siciliano e ho messo mi piace alla pagina fb. Ho condiviso su fb:
    https://www.facebook.com/valentina.siciliano.7
    La mia mail: vsiciliano97@gmail.com

    RispondiElimina
  9. Certo che partecipo! Ho conosciuto Luca Azzolini l'anno scorso durante un contest organizzato dal suo collega(e amico) Francesco Falconi e come autore con Il fuoco della Fenice, che mi è piaciuto molto... Trovo Luca Azzolini una persona simpaticissima e un autore di talento(Il fuoco della Fenice è il suo primo romanzo ed è stupendo!). Per questo motivo(e, naturalmente, per la trama del romanzo) sarei felice di vincere questo giveaway. Il mio indirizzo è campitelli.danilo@gmail.com

    RispondiElimina
  10. Innanzitutto, la trama di questo libro è straordinaria. Adoro le storie che parlano di donne forti, consapevoli di sé e sagge, senza contare che c'è la velata promessa di un amore difficile - cosa apprezzatissima da parte mia! \*-*/
    E poi, dall'intervista, si intuisce che l'autore è una persona coi piedi per terra.
    Sì, senza dubbio, mi piacerebbe avere questo libro nella mia libreria :)

    La mia mail è imlittleredbird@gmail.com

    RispondiElimina
  11. Ciao! Che bella iniziativa e fantastica l'intervista!! partecipo volentieri, la trama mi sembra molto avvincente e ha una bellissima copertina!
    la mia mail è: asderti90@gmail.com

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Partecipo assolutamente! Adoro la trama di questo libro *_* e all'autore piace tantissimo Marion Zimmer Bradley, l'autrice che mi ha introdotto nella lettura del genere fantasy.
    La mia mail è criscri7@yahoo.it

    RispondiElimina
  14. Bella intervista e libro molto interessante! La trama in effetti mi ha fatto tornare in mente alcuni romanzi di Marion Zimmer Bradley, autrice che adoro anch'io.
    Ho seguito le istruzioni del post di iscrizione. Partecipo e condivido! :)
    miriammas@alice.it

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. Partecipo assolutamente, il libro sembra davvero bello! La mia mail: vsiciliano97@gmail.com

    RispondiElimina
  17. Ciao, mi accodo nella possibilità di vincere questo libro. La trama mi incuriosisce molto, amo i romanzi che parlano del percorso di crescita specie se di donne forti.
    hailfede@gmail.com

    RispondiElimina
  18. La copertina è sensuale ed elegante e la trama ha catturato la mia attenzione, non mi resta che partecipare e tentare la fortuna :)
    email: pennadoro62@gmail.com

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...